fbpx

Oggetti intelligenti e un'Internet tutta nuova

INTERNET E INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Oligopoli USA, copyright, privacy e tasse

di Stefano Balassone
5g 370 minDai giorni dell’assalto al Campidoglio Trump è stato privato degli account da cui chattava col popolo sovrano. Buon per noi e peggio per il trumpiano che s’infuria, ma intanto accade che il potere di attizzare o spegnere le fiamme nei mass media sia nelle mani del MAGAF (dalle iniziali di Microsoft, Apple, Google, Amazon, Facebook), il pugno di oligopoli USA che ha requisito l’Internet negli ultimi decenni accumulando fatturato a livello di trilioni.

Questo regno potrebbe intravedere il suo tramonto non per la virtuosa e democratica indignazione di eletti e popolani, che badano solo a scambiarsi messaggini, ma perché dopo l’Internet sociale “delle persone” (io, tu, il fidanzato perso nel passato) avanza quella “delle cose”: l’elettrodomestico, l’automobile, il semaforo, la metropolitana, il cassonetto e tanti altri compagni della vita, trasformati in Pinocchi dalla magia di chip e sensori che li fanno reagire a quello che succede dentro e fuori. Come potrebbe l’internet delle cose mangiarsi quella delle persone e rivoluzionare l’equilibrio del business e del potere? Lo abbiamo capito scorrendo un pugno di tabelle di Antonio Sassano, davvero illuminanti.

L’Internet delle persone

L’Internet delle persone è come una ragnatela che vede fermo al centro il ragno, cioè il potere del calcolo e dell’algoritmo che si collega agli utenti con i fili, gli propone le forme dell’agire, ne raccoglie gli input e spedisce a ognuno in contraccambio un risultato. Quest’andirvieni di segnali attraverso mezzo mondo, cavi sottomarini, nugoli di server, sorvoli di satelliti è al servizio della Potenza di Calcolo centrale, il cuore del sistema, sorvegliato dalle guardie armate MAGAF e assai caro a CIA ed FBI, che anche così ci tengono sott’occhio. È un cuore ultrapotente, che sbriga milioni di richieste perché è velocissimo, ma non al punto da azzerare il tempo, detto “latenza”, che corre fra la domanda e la risposta. Il social ci fornisce comunque l’adrenalina di una specie di diretta della vita che non soffre per il ritardo del segnale e che non ci disamora del sistema perché siamo umani, mossi a socializzare attraverso lo scambio di concetti e sentimenti o anche solo di foto di gattini. Anche la pubblicità, la principale risorsa del sistema, non soffre il mal della “latenza” e bada essenzialmente a finirci sotto gli occhi. Così sono contenti gli utenti, soddisfatti i pubblicitari e ultraricchi i monopoli che hanno costruito la baracca.

L’Internet delle cose

Quando si entra nel mondo delle cose “intelligenti” la musica è diversa perché gli oggetti vengono dotati di chip al fine di fronteggiare esigenze operative nelle quali ogni minimo istante di ritardo può essere fatale e provocare tamponamenti, crolli, incendi, alluvioni. Di conseguenza non c’è spazio per le attese, le risposte agli allarmi debbono essere istantanee, dritte e fulminee, corredate di diagnosi, prognosi e rimedi per quello specifico oggetto affidato allo scambio di informazioni con la Rete. Ecco perché nell’Internet delle cose non esiste la lavatrice generica, uguale a tante uscite dalla fabbrica, ma quel preciso esemplare della serie, dotato del pedigree del comportamento d’ogni vite e giuntura che nelle concrete condizioni d’uso rivela il suo caratterino.

Un siffatto servizio, immediato, individuale e “intelligente”, non si concilia con la latenza di reazione propria della struttura accentrata dei social dominanti. Pretende invece: 1) che la rete di comunicazione sia molecolare, il che pare possibile solo col 5G che punteggia di fitte antenne il territorio; 2) che ogni oggetto accumuli il diario delle proprie prestazioni in una memoria a blocchi, in sostanza una block chain, inalterabile e inaccessibile agli intrusi, così da evitare scherzi e sabotaggi; 3) che l’algoritmo di una smagata Intelligenza Artificiale si sparpagli lungo la rete, a ridosso degli oggetti e si specializzi nel prendersi cura dei piccoli guai di un aspirapolvere o delle catastrofi incombenti sulle auto a guida autonoma.

Una sola Internet, ma nuova.

Un sistema tarato a misura delle esigenze estreme delle cose, può ben provvedere anche a fornire il social alle persone, per non dire di posta, messaggistica e telefonia. In più la tecnica della block chain, allargandosi dalla lavatrice al suo padrone, libererebbe quest’ultimo dall’ansia per la privacy e gli darebbe il potere di cambiare app e provider portandosi appresso come roba sua l’insieme dei file con le azioni compiute ed i contatti.

Da qui, se non capiamo male, l’evidenza di una sfida inusitata agli attuali padroni del vapore: i MAGAF e gli Stati Uniti, che ne sono patria e protettori. Con tanto di guerre politiche e commerciali attorno al 5G, tanto che la proprietaria di Huawei, la compagnia cinese pronta a realizzarlo, da oltre un anno è ostaggio nelle prigioni canadesi. Le motivazioni vanno dal furto di conoscenza al puro e semplice spionaggio, e quella signora forse non è un’anima innocente, ma è ovvio sospettare dello zampino USA volto anche ad evitare che la tecnologia matura, sia troppo rapidamente resa obsoleta dalla nuova sia sul piano tecnico che riguardo al business.

 

Stati e Big Tech

Nel mentre che la nuova internet, chissà come e chissà quando, appare all’orizzonte, le comunità politiche e d’interessi dell’Occidente sono ferme alle tematiche di copyright, privacy e tasse.

L’Unione Europea ha adottato ormai da anni il GDPR (General Data Protection Regulation) che spalleggia il diritto d’autore, per frenare l’uso gratuito di contenuti a fil di Rete, ed ha enfatizzato la privacy, seppellendoci di moduli e intimazioni da accettare. Tutto è rimasto uguale a prima, ma forse l’intento era soltanto di piazzare qualche bastone europeo nelle ruote dei monopoli d’oltre Atlantico per meglio negoziare la questione delle tasse. Tutti i MAGAF, come è noto, le eludono col semplice fare marameo dalla sede legale del Paese UE che gli offre un paradiso fiscale, per avere i suoi dannati quattro soldi danneggiando tutti gli altri. La questione pareva inamovibile, ma si è da ultimo sbloccata a partire dal Governo USA. Come se ai MAGAF, al di là di speculare sulle tasse, interessasse essenzialmente restare monopoli grazie al favore di Governi, Parlamenti e Ministeri del Tesoro che, altro che antitrust, parteciperanno alla mungitura di monopolistici quattrini compiuta dagli oligarchi di quella compagnia.

Di sicuro, non si ravvisano fremiti antimonopolistici al momento, a meno di non prendere sul serio i progetti di legge emersi in questi giorni nel Senato americano per chiedere ai monopoli una qualche dose di morigeratezza, come garantire parità d’accesso ai pubblicitari e l’astenersi dal risucchiare coi miliardi le start up potenzialmente concorrenti. Se son queste le guerre contro i monopoli, non ci resta che sperare negli oggetti intelligenti.

pubblicato su "DOMANI" del 19 agosto 2021

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici