fbpx

La RAI e il suo "Editore"

LA TV DI STEFANO BALASSONE

 Per la Rai l’editore non è di garanzia, bensì è a carico

di Stefano Balassone
rai logoLa “crisi dei Partiti” si esibisce nitida negli streaming delle audizioni dei vertici Rai presso la Commissione di Indirizzo e Vigilanza istituita nel 1975 quando la lottizzazione degli incarichi fu allargata dall’area di Governo all’intero Parlamento.

Quelle audizioni non sono tornei di filosofia dei media, ma occasioni in cui ogni parlamentare prende le parti della fazione a lui più vicina nell’azienda oppure sbandiera le velleità o le irritazioni di questa o quella tribù degli elettori. Un lavoro umile, ammettiamolo, tanto che dubitiamo che quel gruppo di distinti geometri, avvocati e professori giunti a sedere in Parlamento e in Commissione trovi appagante passare il tempo in questo modo. Che tuttavia è tutto quel che resta finché la politica non è a favore di progetto, ma progetto di favore.

Di tanto in tanto echeggia in quell’aula, è successo spesso anche nell’audizione dell’8 gennaio, l’affermazione che il Parlamento sia l’“Editore” della Rai, anche se non c’è nessuna legge che lo scriva. Ma anche prendendo per buona una tale autoaffermazione, si tratta di capire se il Parlamento sia Editore tiranno o di garanzia. Finora ha coinciso serenamente con il primo, ma da quando i nuovi vertici, pur scappellandosi ossequienti, hanno cominciato a mettere qualche puntino sulle i, stanno sprizzando le scintille.

Puntini e scintille

“Mettere i puntini sulle i” consiste, come è emerso nello streaming, nell’attenersi alle responsabilità fissate per ciascuno dalle leggi, invece che confonderle nella consociazione generale. Un puntino molto grosso è, ad esempio, escludere di redigere un bilancio di previsione basato sul passivo così da accontentare ogni richiesta, salvo lasciarla, in vista della chiusura dei conti veri, a bocca asciutta. Frana in questo modo il mercato delle promesse, s’afflosciano le conquiste di bandiera destinate al lancio stampa del momento, tutti vengono costretti al tavolo dei conti e sol per questo l’azienda si trova a spostare il baricentro delle decisioni al proprio interno. Un puntone enorme, posto dritto sopra il cuore della Rai, è ovviamente applicare anche agli spazi informativi il calcolo del rapporto fra costi e benefici, perché affrontare questo campo con la logica e non per la fazione (o la corporazione) provoca sfracelli nella cordialità dilagante dei rapporti che corrono fra parlamentari e redattori (ma non è diverso quanto ai fremiti e alle attese del campo fornitori o delle star amiche di famiglia).

Abbiamo perfino udito un senatore sibilare: “se la Rai non fa quello che indichiamo, noi l’Editore potremmo perdere sul serio la pazienza” Si riferiva il nostro (come tutti gli altri intervenuti meno un paio) non al lanciarsi con ogni forza e priorità verso le praterie digitalizzate, ma al mantenimento della edizione notturna dei TGR, che costa molto, rende nulla e blocca risorse di valore. E comunque questo minacciatore era in fondo in fondo un gentiluomo col torto di conoscere la legge solo ad orecchio o per sentito dire, oppure secondo il wishful thinking di tanti come lui.

Infatti sono partiti di punto in bianco una serie di siluri anti Report, nella persona di Sigrido Ranucci a seguire una lettera anonima che narrava di molestie sessuali di cui l’audit Rai non ha trovato (riferito dall’AD) alcun riscontro.

In altri termini accade che la Rai l’editore non l’abbia di garanzia, bensì a carico.

 

pubblicato su "DOMANI" del 9 febbraio 2022

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

 

Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici

Console Debug Joomla!

Sessione

Informazioni profilo

Utilizzo memoria

Query Database