fbpx
  • Ambiente

Frusinate: Biodigestori e polveri sottili

ASSOCIAZIONE MEDICI  AMBIENTE

Un "ambiente" malato da curare sul serio

di Associazione Medici Ambiente
Logo ass medici famiglia ambiente 350Frosinone: Una Provincia sotto assedio. L’Arpa nel resoconto degli sforamenti annuali del 2022 ha certificato un peggioramento delle concentrazioni di PM10 rispetto l’anno precedente. Le polveri sottili ci assediano e continuano ad essere uno dei problemi più gravi. Nessun abbassamento della guardia e nessuna distrazione sono concessi, né sono ammissibili inopportuni e falsi trionfalismi sul miglioramento della qualità dell’aria, funzionali all’affarismo ma non di certo alla salute.

Una provincia, però, sotto assedio anche dalle lobby dei rifiuti. L’immondizia “bene” cui anelano, per la ripresa, i gruppi di potere di questo territorio che riconosce, proprio alla Provincia di Frosinone, il triste primato dei tumori infantili. La corsa all’accaparramento degli incentivi previsti per il biometano, condotta con fervore da chi persegue affari, simpatizzanti ed accoliti sponsorizzati, la falsa e retribuita propaganda ambientalista su biodigestori di fatto energivori ed inquinanti come acclarato da gran parte della comunità scientifica indipendente, necessitano di una impellente bonifica culturale. Il panorama che si prospetta è quello di un’imprenditoria passiva, figlia dell’assistenzialismo degli incentivi, senza rischi di impresa, senza progettualità, senza creazione significativa di posti di lavoro e tantomeno di qualificazione.

Rifiuti urbani trasformati in rifiuti speciali da conferire a discarica, con produzione aggiuntiva di concentrati liquidi da stoccare in siti specializzati ad attestare l’assenza di un’economia circolare artatamente mistificata. Inaudita aggressione di un territorio, sito di interesse nazionale (SIN) necessitante di bonifica, in cambio di sussidi economici.

Questa l’amara incontrovertibile realtà di cui i più hanno ormai consapevolezza. Tragedia pluriennale per cui si svende la salute per il profitto di pochi. In tema di rifiuti purtroppo la città di Frosinone ha un passato funesto ed un futuro forse peggiore. Tra qualche giorno ricorre il 21° anniversario della riapertura della discarica di via Le Lame. Anche la classe dirigente di allora avanzò motivazioni ineludibili e contingibili, tanto contingibili che ancora oggi dopo 21 anni assistiamo a presenza di percolato carico di pericolosi metalli pesanti a ridosso dell’alveo del fiume Sacco.

La città oggi è assediata da un sollecito di autorizzazione per un biodigestore di rifiuti urbani a ridosso del centro abitato. Un progetto che nelle aspettative dei proponenti e nel silenzio più assoluto, attendeva l’approvazione già agli inizi del 2020 ma, non resosi possibile, all’epoca, per l’inatteso intervento motivatamente oppositivo dell’Associazione dei Medici per l’Ambiente. Un progetto in assenza di qualsivoglia considerazione sanitaria in uno dei siti più inquinati d’Italia (SIN), scellerato per la sproporzione tra la richiesta delle quantità da autorizzare rispetto la necessità reale di smaltimento della città.

Industria energivora, impattante, ancor oggi senza attuazione per documentazione dimostratasi , dall’inizio fino all’ultima conferenza dei servizi, carente e orfana dei requisiti richiesti, per il completamento e la finitura dei quali abbiamo assistito alla sconcertante dilatazione dei tempi che la Regione Lazio ha sfacciatamente concesso all’imprenditore, per un improbabile ,a tutt’oggi, riordino dei documenti presentati. Un tempo concesso estremamente lungo, oltre i termini di legge, che lascia il giusto spazio ai giudizi più severi e dubbiosi.

Si intravede una Provincia sommersa dai rifiuti, che dovranno raggiungere circa 300.000 tonnellate l’anno per soddisfare l’esigenza di smaltimento dei 4 biodigestori in capo alla Regione Lazio e previsti per : Ferentino 40.000 tonnellate; Patrica 100.000; per Anagni 84.000 già approvato; per Frosinone 54.000 tonnellate estensibili a 92.000. Per accontentare tutti gli imprenditori saranno quindi necessarie 300.000 tonnellate circa di immondizia , di cui, ripetiamo, solo 40.000 (quarantamila) proverranno dalla provincia di Frosinone, oltre 250.000 (duecentocinquantamila) tonnellate dovranno arrivare da fuori provincia a colmare il gap necessario per consentire il riempimento a piena resa di tutti i biodigestori in corso di autorizzazione da parte della Regione Lazio. Un immane invasione di camion d’immondizia, di fetore, di polveri sottili e di particolato secondario.

Questa è l’attrattiva imprenditoriale che prospetta il nuovo Presidente della Provincia, che probabilmente si è lasciato sfuggire tale elementare calcolo , la cui negazione consentirà il richiamo di rifiuti da tutto il suolo nazionale. La ripresa economica devoluta alla caratterizzazione e identificazione del nostro territorio con l’immondizia , visione miope o addirittura cieca anche e soprattutto della condizione sanitaria del territorio, di cui ancora non esiste un piano epidemiologico. Informiamo il Presidente della Provincia, laddove non ne fosse a conoscenza o rammentiamo qualora lo fosse, che la sentenza della Corte di Giustizia Europea emessa l'11 novembre 2021, intima di sottostare al principio di autosufficienza e di prossimità nel trattamento dei rifiuti urbani, condannando alchimie, magheggi e disinformazione per accreditare industrie indifendibili.

Lo informiamo ancora dell’esistenza di piccoli impianti di biodigestione , che trattano le quantità proprie di ciascun territorio, che lavorano senza consumo di acqua, senza produzione di residui speciali, con realizzazione di un circuito chiuso ad esemplificare la vera economia circolare, con impatto ambientale sicuramente ridotto, in un congruo rapporto costo beneficio tra necessità di smaltimento dei reflui e rischio sanitario, a costituire, non da ultimo, una modalità virtuosa per allontanare fiancheggiatori interessati e simpatizzanti prezzolati, ma soprattutto per spezzare quella commistione di malaffare, ripetutamente segnalata dalle Prefetture, tra trasporti e rifiuti.

Inquietano le recenti convergenze parallele e le alchimie politiche trasversali, che sembrano coagularsi sull’invasione indiscriminata dei rifiuti, che aleggia su tutta la Valle del Sacco.

In duplice veste di rappresentanti dell’Associazione Medici Ambiente e di Consiglieri Comunali eletti dai cittadini, confermiamo il nostro dissenso e la nostra lotta contro chi, palesemente o sotto mentite spoglie, si sta rendendo artefice di regresso, degrado e malattie.

Dott. Giovambattista Martino - coordinatore Associazione Medici Ambiente
Dott.ssa Teresa Petricca – responsabile scientifico Associazione Medici Ambiente
Dott. Antonio Necci – referente per Anagni dell’Associazione Medici Ambiente

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

 

Pubblicato in Ambiente
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici