fbpx
  • Associazioni sociali e volontarie

Genitori Tarantini scrivono a Ursula von der Leyen e Mario Draghi

GENITORI TARANTINI

Lettere inviate a UE e Governo Italiano con 61 fotografie. Testi integrali

 

Lettera con documentazione fotografica a Presidente e Commissari Unione europea su emissioni di Acciaierie d'Italia

Gentilissima Presidente Ursula von der Leyen,
Egregio Commissario Frans Timmermans,
Egregio Commissario Virginijus Sinkevičius,

11Ilva 390 minCi permettiamo di inviarVi alcune immagini fotografiche realizzate da semplici abitanti della città di Taranto, negli ultimi tre mesi perché crediamo che Voi, per le importanti cariche politiche che rappresentate nella Comunità europea, dobbiate essere messi a conoscenza del fatto che lo Stato italiano, attraverso il proprio Governo, ad oggi non si è per nulla impegnato a dare seguito alla condanna inflittagli dalla Corte Europea del Diritti Umani (CEDU) in data 24 gennaio 2019, con la quale si ordinava di porre in esecuzione nel più breve tempo possibile il piano ambientale approvato dalle autorità nazionali. Una sentenza sovranazionale che, secondo noi, lo Stato italiano non ha tenuto nella debita considerazione.

Le immagini fotografiche che inviamo alla Vostra attenzione dimostrano in maniera inconfutabile quanto, a tutt’oggi, la salubrità dell’ambiente e la salute dei cittadini di Taranto siano ancora sotto minaccia continua.
Tuttavia, lo Stato italiano ha inteso entrare in società con la multinazionale franco-indiana ArcelorMittal con un esborso di denaro pubblico pari a 1.080.000.000 di euro, raggiungendo un accordo che prevede, tra le altre cose, un incremento della produzione a carbone fino a oltre 6.000.000 di tonnellate all’anno (attualmente, la produzione dell’acciaieria tarantina è intorno ai 3.300.000 t/anno), oltre a ulteriori 2.000.000 t/anno da produrre per mezzo di un forno elettrico di certo non alimentato con energie rinnovabili. Tutto ciò in netto contrasto con la dichiarata intenzione della Comunità europea di abbattere significativamente le emissioni di CO2, nei prossimi anni.

Ci preme sottolineare che malattie inerenti l’apparato cardiocircolatorio, quello respiratorio, quello renale e tutti i tumori conosciuti dalla scienza medica presentano percentuali superiori (spesso, insopportabilmente superiori) alla media regionale di riferimento, senza distinzione di sesso, età, condizione economica e lavorativa.
Un esempio per tutti, le malattie contratte dal feto durante la gestazione, secondo i dati, sarebbero del 45% in più rispetto alla media regionale (fonte: Ministero della Salute – Studio SENTIERI 2014).

Chiediamo a Voi, illustri rappresentanti della nostra comunità, come l’Europa unita possa accettare tale realtà. Chiediamo come si possa rimanere insensibili di fronte alle sofferenze di bambini che si ammalano, soffrono e in molti casi muoiono per emissioni altamente inquinanti; come si possa accettare che ai bambini di Taranto venga impedito di giocare negli spazi a verde della città; come si possa accettare che sia stato per molto tempo loro negato il diritto allo studio a causa di un vento che spargeva su Taranto il minerale di ferro. Vi chiediamo come si possa accettare la continua minaccia all’ambiente da parte di questa mostruosa fabbrica di veleni. Vi chiediamo se per Voi davvero Taranto è in quell’Europa democratica, unita, moderna di cui tutti parlano e che tutti apprezzano.

Vi chiediamo, infine, se anche per Voi, come per noi, “tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino”.

Nel pregarVi di inviarci risposte esaurienti nei tempi che la preoccupazione per i nostri figli e per l’ambiente impongono, distintamente salutiamo.

Associazione Genitori tarantini - ets

 

Invio immagini fotografiche con richiesta di risposte ai quesiti proposti ai rappresentanti del Governo

On. Dott. Mario Draghi,
On. Dott. Roberto Cingolani,
On. Dott. Giancarlo Giorgetti,
On. Sig. Andrea Orlando,
On. Dott. Roberto Speranza,

ci pregiamo inviare alcuni scatti fotografici riguardanti lavorazioni dell’azienda Acciaierie d’Italia, effettuati da differenti zone della città di Taranto, durante gli ultimi 3 mesi. Ci sono pervenuti tramite numerosi cittadini (non ambientalisti) che vigilano perché oramai stufi di questa insopportabile realtà alla quale siamo costretti.
A tale riguardo, vogliamo formulare alcuni quesiti, per i quali gradiremmo ricevere risposte, visti i ruoli istituzionali di altissima responsabilità che voi attualmente rappresentate.

1 - Siete a conoscenza di quanti e quali inquinanti vengono emessi nell’aria per garantire la produzione a caldo dell’acciaieria tarantina?
2 - Siete a conoscenza di quanti e quali danni, spesso irreversibili, tali inquinanti procurano all’ambiente e alla cittadinanza tarantina?
3 - Chi è chiamato a pagare per questi danni, indiscutibilmente prodotti da una acciaieria che sembra essere nelle grazie anche di questo governo, al pari dei precedenti?
4 - Con riferimento alla chiusura delle aree di produzione a caldo di Genova e Trieste, come intendete giustificare la continuazione della produzione di acciaio per mezzo del carbone, a Taranto, visto che la situazione attuale evidenzierebbe una sorta di razzismo ambientale?
5 - Con riferimento alla sentenza di colpevolezza dello Stato italiano da parte della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU), datata 24 gennaio 2019, cosa concretamente è stato fatto, ad oggi, per adempiere alla condanna?
6 - Quando il fondamentale diritto alla salute dell'individuo, tutelato dalla Repubblica italiana anche come interesse della intera collettività, così sbandierato da tutte le Istituzioni in questo periodo di pandemia, potrà essere garantito, protetto, difeso anche a Taranto al pari delle altre comunità della nostra nazione?
7 - Potete affermare, senza ombra di dubbio, di riuscire a garantire anche ai tarantini quella pari dignità sociale richiamata nella prima parte della Costituzione italiana?
8 - Quando potremo tornare a credere in Istituzioni della Repubblica italiana che tengano realmente in considerazione che “tutto l’acciaio del mondo non vale la vita di un solo bambino”?

In attesa di esaurienti risposte, distintamente salutiamo.

Associazione Genitori tarantini - ets

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

Pubblicato in Associazioni
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici