fbpx

S.I. e le sue considerazione sul Comune di Anagni

ANAGNI

Gli iscritti di Anagni del coordinamento cittadino di Sinistra Italiana

Sinistra Italiana Logo Rosso Bianco 350 260Dal consiglio comunale del 21 giugno emergono diverse mancanze.

É mancata e manca da tempo (questo è lampante) la progettualità per una città che possa essere definita moderna e proiettata al futuro.
Constatiamo, a maggior ragione in sede di discussione del bilancio di previsione (pieno di buone intenzioni dopo quattro anni di nulla), che non solo non c’è stata progettualità: non sono state trovate soluzioni convincenti riguardo a diverse questioni.
A una nuova mobilità sostenibile ad esempio; siamo ancora alla mercé di un piano urbanistico del centro “flessibile” a seconda delle richieste di pochi privati. Intanto i problemi di un traffico soffocante e inquinante, non più sopportabile dai cittadini, persistono. Ha senso il bike sharing inserito in questo quadro generale?

Il piano regolatore a che punto è?
Si è pensato poi a una rivoluzione, laddove possibile, dell’edilizia scolastica? Dopo la situazione determinata dalla pandemia e dalla crisi climatica bisogna ponderare la questione dell’ efficientamento energetico delle strutture pubbliche e dell’adeguata areazione delle stesse, scuole comprese. Le due cose si permeano e vanno l’una a vantaggio dell’altra (e dei cittadini).
Si è pensato ad una copertura internet adeguata per tutti i quartieri della città, visto l’emergere esponenziale dell’esigenza della didattica a distanza e dello smart working?

Constatiamo poi che non c’è stata progettualità per trovare più spazi dedicati alla cultura. Si è proceduto all’acquisizione dell’ex cinema, ma su quale progetto? Con quale scopo? Si è pensato al recupero di strutture con la possibilità di realizzarvi anche un auditorium, degno di questo nome, dedicato alla musica e ad eventi teatrali, di cui la nostra città avrebbe tanto bisogno, soprattutto alla luce del fatto che si ha l’ambizione di presentarla come capitale della cultura 2026? Per non parlare degli spazi verdi e dei parchi pubblici. A mancare è proprio una visione. Non c’è una programmazione, né strumenti di programmazione e non vengono date risposte a bisogni sociali specifici.

Risulta con tutta evidenza che nella prossima consiliatura con la presenza di un Sindaco diverso da quello attuale, bisognerà cambiare passo e mettere in campo delle modalità diverse dell’agire amministrativo.

Innanzitutto, il Consiglio comunale dovrà ritornare ad essere quel luogo istituzionale dove si ascoltano le voci di tutti, dove ci si confronta nel rispetto reciproco e non si arrivi con una decisione già confezionata e blindata, non modificabile, pronta solo per essere votata dalla maggioranza. In seconda istanza non si può parlare di bilancio senza progetto di città. La gestione del denaro pubblico è una cosa seria. Il consiglio comunale lo è altrettanto.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Anagni Biodigestore: Urge convocare insieme le Commissioni Sanità e Urbanistica

AMBIENTE, COMUNI

Totale disappunto sull’atteggiamento del Sindaco Natalia e della sua maggioranza

Noi sottoscritti consiglieri comunali di minoranza, Alessandro Cardinali, Nello Di Giulio, Fernando Fioramonti, Sandra Tagliaboschi e Valeriano Tasca
premesso

Anagni Palazzo della Ragione 350 260-che in data 09 maggio si è tenuta, su nostra richiesta urgente del 13 aprile scorso, la Commissione congiunta sanità-urbanistica nella quale abbiamo ribadito la necessità inderogabile che il Sindaco sia ad emettere adeguato PARERE SANITARIO con effetti di contrarietà al rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) alla realizzazione dell’impianto di biodigestione e compostaggio da 84mila tonn/a in località Selciatella;
-che in quella seduta abbiamo constatato che il Sindaco, benché da tempo sollecitato, non aveva ancora redatto nessuna traccia dell’atteso parere;
-che, per dar modo al Sindaco di ottemperare a quanto dovuto nel suo ruolo a salvaguardia dell’ambiente e della qualità dello sviluppo della città di Anagni, si conveniva per una riconvocazione della medesima commissione congiunta in ambito di una, max due settimane;
siamo ad oggi a constatare che, malgrado anche informali solleciti, non è pervenuta alcuna nuova convocazione della suddetta Commissione per prendere atto e, eventualmente, corroborare l’atteso PARERE SANITARIO DEL SINDACO da inviare in Regione Lazio, nonché dell’aggiornamento delle INDAGINI TECNICHE sottostanti il PARERE TECNICO NON FAVOREVOLE da integrare, all’occasione, nei termini puntuali.

Rispetto a tali atteggiamenti dilatori abbiamo oggi protocollato, di nuovo con le nostre 5 firme di consiglieri di minoranza, formale richiesta di CONVOCAZIONE URGENTE DELLA COMMISSIONE CONGIUNTA SANITA-URBANISTICA con presenza del Sindaco e del responsabile dell'ufficio tecnico con il seguente odg: “Questioni riguardanti la domanda di realizzazione di un impianto di biodigestione e compostaggio in località Selciatella: impegni, verifiche e attività dovute a seguire la Commissione congiunta sanità-urbanistica tenuta lo scorso giorno del 9 maggio”.

Torniamo inoltre a manifestatore pubblicamente il nostro totale disappunto sull’atteggiamento del Sindaco Natalia e dei componenti della sua maggioranza di fronte alla rischiosità di autorizzazione dello spropositato impianto di trattamento rifiuti che potrebbe drammaticamente devastare l’ambiente, la salute dei cittadini e lo sviluppo economico futuro di Anagni.

Come consiglieri di minoranza, raccogliendo le attese e preoccupazioni di tutti i nostri concittadini, chiediamo chiarezza e assunzione di responsabilità a chi governa la nostra città.

F.to Alessandro Cardinali, Nello Di Giulio, Fernando Fioramonti, Sandra Tagliaboschi, Valeriano Tasca.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Anagni, amministrazione del sindaco Natalia: un disastro certificato

ASSOCIAZIONE ANAGNI CAMBIA ANAGNI

Ad 1 anno dal voto mancano idee, programmi condivisi e risultati

Anagni Palazzo della Ragione 350 260Le dimissioni dell'assessore al bilancio, avv.to Giuseppe De Luca, ad una settimana dal Consiglio Comunale che dovrebbe approvare il consuntivo 2021, sono l'ultimo tassello in ordine di tempo dell’incapacità dell’amministrazione Natalia nel dare risposte concrete alle attese della città.

La maggioranza di governo cittadino all'avvio dell'ultimo anno di consiliatura si conferma ancora priva di idee, programmi condivisi e risultati. Un’amministrazione non solo inutile ma, come si coglie nella sofferenza di queste dimissioni di De Luca, anche perniciosa nello svolgimento di una pratica politica autoreferenziale che ignora e mortifica le attese della città.
L'inconsistenza ormai conclamata in alcuni ruoli assessorili cozza contro aspettative dello sviluppo cittadino, oltre a svilire appropriatezza di ruolo e impegno e sacrifici quotidiani della maggior parte dei concittadini.

Malgrado una continua celebrazione dell’apparenza, la mancanza di risultati effettivi, le azioni amministrative personalistiche, la noncuranza di inefficienze e del degrado diffuso, l’opinabile utilizzo dei soldi pubblici sono l’esatto contrario di una consapevolezza organica dei bisogni della città e dei suoi quartieri nel territorio.
L'approssimazione manifesta in settori strategici come l'urbanistica e il centro storico, la carente gestione del patrimonio e di alcuni fondamentali servizi, lo stato di immobilismo nei lavori pubblici condannano Anagni al ruolo di cenerentola tra i centri più importanti della nostra area.

La città dalle molteplici potenzialità culturali, turistiche ed economiche era stata, del resto, supinamente indirizzata allo smaltimento dei rifiuti urbani di buona parte della regione Lazio. L’inaspettato titolo a cui tendeva questa amministrazione Natalia era “Anagni, baricentro nel sistema dello smaltimento rifiuti “.
Ora dice, o lascia chiaramente intendere, l'ex assessore De Luca come l'amministrazione Natalia esprima un modo di fare politica ed una gestione dei rapporti discutibile tanto da non avergli consentito di lavorare come voleva per la città (dare un contributo positivo, anche fuori dai riflettori) aggiungendo che “di fondo non mi sono mai trovato con il gruppo di Daniele” perché, spiega, “ero io ad essere diverso… sono entrato in politica per dare un contributo positivo e una volta che mi sono reso conto che non ero più in grado di darlo (nella condizione di darlo) sono andato via.”

Una vera e propria certificazione interna al fallimento del metodo e sostanza della sindacatura Natalia. Del resto lo stesso vice sindaco avv.to d’Ercole in questi giorni, dopo ben quattro anni di ‘amministrazione del nulla’ si domandava +/- “Cosa racconteremo più agli elettori nella prossima campagna elettorale?”.
Prendiamo ora atto che l’avv.to De Luca si è visto costretto, per senso di responsabilità dopo vani tentativi di confronto, a prendere distanze estreme da questa compagine amministrativa, ma noi di Anagni cambia Anagni non ne siamo certamente a gioire per la città di Anagni.

Da tempo denunciamo che, in una città dove i cartelli “vendesi” si incrementano ogni giorno, la pratica amministrativa di questa maggioranza di governo è lontana dalla conoscenza dei bisogni della città tanto che, in luogo di decise politiche di sviluppo, si caratterizza in autocelebrazione del poco o del nulla; una sorta di continua campagna elettorale volta ad assicurare un posto al sole o tirare a campare ancora nei prossimi cinque anni amministrativi.

Una situazione mortificante per la città e per tanti cittadini che, come testimoniato dal sofferto passo indietro dell’avv.to De Luca, finiscono per gettare la spugna di fronte al vuoto dell’apparenza e alla mediocrità amministrativa che crea irreversibili danni alla città di oggi e al suo potenziale sviluppo futuro.

Un cambio di amministrazione sostanziale appare sempre più urgente.

f.to Associazione Anagni cambia Anagni

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Ad Anagni contestano le centraline ANCLER

ANAGNI

Centraline costose e anche inaffidabili?

di Cittatrepuntozero
città3.zero minIl consigliere Fernando Fioramonti interroga l’amministrazione comunale e l’assessore D’Ercole in merito alle centraline ANCLER, bocciate dall’Arpa Lazio. In particolare il consigliere, nell’interrogazione protocollata lo scorso 7 maggio, chiede all’assessore all’ambiente:
- se sia stata verificata l’attendibilità secondo i requisiti di legge delle centraline, prima di procedere alla formalizzazione del contratto di acquisto;
- se, come riportato nell’oggetto della determinazione n. 19 del 10/04/19, “Rilevazione e monitoraggio in tempo reale dei composti in atmosfera”, sia stato verificato che le centraline analizzino la composizione qualitativa (quali composti presenti) nelle particelle analizzate;
- se siano state prese decisioni ambientali seguendo le indicazioni dei risultati delle centraline;
- se “con i dati alla mano, come abbiamo fatto noi, si sia cercato di capire di cosa si stia parlando” e se questi dati siano stati confrontati con quelli dell’ARPA;
- se la presenza di otto centraline sul territorio di Anagni, come si evince dal sito ancler.org, rispetto alle 15 previste da contratto sia stato concordato con il Comune di Anagni e se abbia generato un risparmio per lo stesso e di che importo;
- se eventuali inadempienze siano da imputare a privati, agli amministratori o agli uffici competenti;
- se sia da ravvisare un danno economico a carico dei cittadini di Anagni;
- se sia da rescindere immediatamente il contratto con la ditta Evlogica srl a seguito delle dichiarazioni di ARPA Lazio.

L’interrogazione si è resa necessaria alla luce delle recenti dichiarazioni dell’Arpa in merito all’affidabilità delle centraline ANCLER per la rilevazione delle pm10 in atmosfera. A sostegno dell’iniziativa del consigliere Fioramonti arriva puntuale il movimento civico Cittatrepuntozero che, in una nota, ha condannato l’operato dell’amministrazione Natalia. “Ancora una volta - si legge nel comunicato - assistiamo all’inefficacia, inefficienza e incompetenza dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Natalia. L’Arpa Lazio ha tassativamente e categoricamente bocciato le centraline ANCLER acquistate dal Comune, costate alla collettività ben 40.000 €. La tanto sbandierata scelta dell’assessorato di pertinenza circa le centraline è stata sonoramente sconfitta. A farne le spese, ovviamente, ancora una volta l’ambiente, i cittadini di Anagni e le casse comunali. Una scelta, quella delle centraline ANCLER, sbagliata e che ha fornito all’amministrazione comunale dati non veritieri sulle pm10. A questo punto ci chiediamo che valore abbiano le tanto sbandierate dichiarazioni del sindaco Natalia sull’inquinamento e sull’ambiente? Inoltre vorremmo mettere in guardia il sindaco sull'eventualità di un conflitto di interessi tra l’ azienda fornitrice delle centraline ed alcuni membri della maggioranza consiliare: in questo caso si tratterebbe di una doppia beffa per i concittadini anagnini. Quello che è certo è che gli impianti di rilevazione, sonoramente bocciati, hanno visto un ingente esborso economico da parte delle casse comunali e che i dati forniti da queste centraline non sono affidabili. Questa è l’ennesima scelta disastrosa effettuata dalla giunta Natalia per la città di Anagni, ennesima inadempienza in quattro anni di nulla di fatto, tranne che ostinarsi a spendere soldi pubblici per scelte sbagliate. Di tali scelte, nelle prossime settimane, Cittatrepuntozero darà conto ai cittadini!”

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

La Conferenza di Servizi per l'autorizzazione del Biodigestore di Anagni

BIODOGESTORE DI ANAGNI

Commento al verbale della conferenza di servizi del 6 aprile 2022

Biodigestore 390 FrosinoneToday min minLa 2° Conferenza di Servizi del 6 aprile, convocata per il procedimento di Autorizzazione Integrata Ambientale ( AIA) richiesta dalla Società Energia Anagni srl per l’impianto di un Biodigestore in località Selciatella di Anagni srl, ha posto in evidenza alcuni importanti carenze nelle documentazioni presentate o documentazioni ancora insufficienti rispetto a quelle richieste nella precedente Conferenza.
Partecipavano in modalità telematica i rappresentanti della Regione Lazio, della Società proponente, del Comune di Anagni, della Provincia di Frosinone e, come uditori, i rappresentanti delle
Associazione e dei Comitati, dei Sindacati e il Consigliere regionale Marco Cacciatore.
Gli Enti e la Società convenuti hanno dichiarato che risponderanno alle integrazioni richieste dall’Autorità competente e, in particolare, la Società Energia Anagni, ha chiesto un rinvio per fornire i chiarimenti /integrazioni richiesti, ma nel verbale manca il termine della ricezione delle integrazioni/chiarimenti che la Regione non ha fissato, anche se glielo abbiamo chiesto.

La Provincia ha ribadito il parere non favorevole all’ impianto, allo stato attuale delle criticità evidenziate, mentre il Comune di Anagni ha presentato il parere non favorevole all’impianto, relativo ad aspetti urbanistici e, come dichiarato dal Sindaco in Consiglio Comunale e in una nota inviata ad anagnia.com, ha presentato una relazione medico-sanitaria, una relazione tecnico - scientifica, una relazione urbanistica.

Il punto dolente della questione resta innegabilmente il parere sanitario, di competenza del Sindaco di Anagni, che è un atto procedurale pertinente, mentre la relazione dell’Associazione Medici di Famiglia per l’ Ambiente è una consulenza privata che non ha valore amministrativo.
Il nostro Coordinamento Ambientale, per esempio, ha allegato note di organismi pubblici alle Osservazioni presentate dallo Studio Legale Gattamelata e associati, che attualmente difende il Coordinamento stesso, costituito da Anagni Viva, Diritto alla Salute DAS, Comitato Residenti Colleferro, Rete per la Tutela Valle del Sacco, nel ricorso al TAR vs la Regione Lazio.
Lo stesso Dirigente della Conferenza, Autorità competente AIA, alla precisa domanda del rappresentante del nostro Coordinamento Ambientale, ha risposto che il Sindaco ha allegato una nota che non è il parere sanitario che si ha quando il Sindaco controdeduce i pareri di ARPA e ASL.

Il Parere Sanitario del Sindaco è strettamente legato alla tutela dell’ ambiente, si richiama al principio di precauzione ambientale (previsto dalla normativa europea) e risponde al suo ruolo di massima Autorità di tutela della Salute Pubblica. Nel caso il Sindaco dovesse esprimere un parere negative, si bloccherebbe il rilascio dell’ Autorizzazione Integrata Ambientale e il procedimento verrebbe rinviato all’ intesa Governo-Regione che, se non raggiunta, comporterebbe un’apposita deliberazione del Consiglio dei Ministri.

Ci sembra dunque necessario che il Sindaco vada oltre il documento presentato dall’Associazione Medici di Famiglia per l’ Ambiente, che riferisce i dati scientifici relativi all’incidenza dell’inquinamento su molte gravi patologie in preoccupante crescita nel nostro territorio, e presenti il Parere Sanitario dovuto sulla grave crisi ambientale nella Valle del Sacco, nonostante la posizione della ASL, finora ferma nella posizione del silenzio/assenso.

Il Parere Sanitario è distinto e diverso rispetto ad altri documenti di Associazioni ed Enti preposti alla tutela della salute e dell’ambiente e renderebbe convincente e chiaro il NO dichiarato dal Sindaco e dal Consiglio Comunale al Biodigestore. Un NO che ora è oggettivamente debole e incerto perché non viene esercitata di fatto la funzione di Autorità sanitaria preposta alla Tutela della Salute pubblica.

Il Parere adeguatamente motivato da elementi che dimostrino la presenza di problematiche sanitarie, deve essere ovviamente esercitato, altrimenti non si potrebbe sapere se quelle problematiche esistano o meno!

In conclusione, noi rileviamo che nella documentazione complessiva finora presentata alla Regione mancano:
- il nulla osta ASI riguardo all’ assegnazione dell’ Area e il relativo parere del Comune nonostante Energia Anagni asserisca di avere l’ affidamento del lotto.
- il nulla osta per l’ autorizzazione sismica, considerando che Anagni è classificata zona sismica 2b e proprio l’ 11 aprile scorso si è verificato un terremoto di magnitudo 3.4 nell’ area a sud est di Roma che è stato avvertito anche ad Anagni.

Infine la Regione ha assicurato il coinvolgimento di Arpa Lazio tramite la convocazione di uno specifico Tavolo Tecnico a supporto dell’ autorità competente, per definire tutte le questioni in
sospeso e chiudere il procedimento. La prossima Conferenza sarà pertanto decisoria.

23.04.2022

IL COORDINAMENTO AMBIENTE DI ANAGNI E COLLEFERRO
LE ASSOCIAZIONI:
ANAGNI VIVA, COMITATO RESIDENTI COLLEFERRO, DIRITTO ALLA SALUTE, RETUVASA,

 

Le associazioni Anagni Viva, fondata nel 1998 e Diritto alla Salute(DAS), fondata nel 2004, si occupano di sanità, ambiente, patrimonio storico-artistico, scuola pubblica e decoro cittadino.
Attualmente sono impegnate, insieme alle associazioni Retuvasa e
Comitato dei residenti di Colleferro, in complesse e costose vertenze legali contro le autorizzazioni concesse dalla Regione Lazio alle lavorazioni di rifiuti che si vogliono sviluppare nel territorio di Anagni, quali il Biodigestore e la produzione di Gres porcellanato con l’utilizzo di scorie provenienti dall’inceneritore di San Vittore. Gravando di un ulteriore carico inquinante il nostro territorio.

Sostenere le attività e contribuire alle spese delle Associazioni Anagni Viva e Diritto alla Salute è semplice:
Si può farlo versando un’offerta in denaro sull’IBAN n. IT 96 X08 344 7429000000 184 8050 intestato all’Associazione “ Anagni Viva ” presso
BancAnagni, con causale NO al Biodigestore;
oppure destinando il 5xmille della propria imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) all’atto della compilazione della dichiarazione dei redditi alla Associazione di volontariato DIRITTO ALLA SALUTE, firmando l’apposito riquadro che figura sui modelli di dichiarazione e scrivendo il codice fiscale dell’Associazione DIRITTO ALLA SALUTE che è: 92034880606.
Si può anche contribuire direttamente con una somma in denaro contante che verrà presa in consegna da un nostro incaricato che provvederà a rilasciare una regolare ricevuta.
Per ulteriori informazioni telefonare al n.3930723990.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Anagni: Dura lex sed lex

Mov. NOBIODIGESTOREANAGNI

 

nobiodigestore 370 minLe regole vanno rispettate e le regole sul SIN valgono anche sul biodigestore.
Il 6 aprile si è appreso dalle osservazioni della Provincia che dal 28 aprile inizieranno le INDAGINI PRELIMINARI sui terreni.
Pertanto, come già segnalato nelle osservazioni del nostro Movimento tramite Legambiente e Quartiere Cerere, non risulta svolta l'attività di "caratterizzazione" dei terreni dichiarata dalla Società ad agosto.
In altre parole, la procedura funzionale all'eventuale bonifica del sito in area SIN non era ancora iniziata al 6 aprile.
Pochi giorni fa è esploso il caso Catalent ed è partita una campagna mediatica, cavalcata ed anzi lanciata dal Sindaco Natalia, per far cambiare velocemente le regole sul SIN.
Sig. Sindaco, si rende conto che con la sua campagna di "sburocratizzazione" e criminalizzazione del SIN lei sta chiedendo al Governo di far cambiare la legge?
È il caso di farlo ora?
Proprio ora che la normativa sul SIN potrebbe bloccare il biodigestore?

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Anagni. Richiesta convocazione urgente commissioni Sanità-Urbanistica

 ANAGNI BIODIGESTORE

 Richiesta protocollato in data 13 aprile us

Biodigestore 390 FrosinoneToday min min"Noi sottoscritti consiglieri comunali di minoranza, Alessandro Cardinali, Nello Di Giulio, Fernando Fioramonti, Sandra Tagliaboschi e Valeriano Tasca, abbiamo protocollato in data 13 aprile una richiesta di CONVOCAZIONE URGENTE DELLA COMMISSIONE CONGIUNTA SANITA-URBANISTICA con presenza del Sindaco e del responsabile dell'ufficio tecnico.

Abbiamo già pubblicamente manifestato il profondo disappunto sulla mancata partecipazione del Sindaco e dell'assessore all'urbanistica ai lavori della conferenza dei servizi in Regione Lazio dove si discuteva del rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) per la realizzazione dell'assurdo biodigestore da 84mila tonn/a.

Il nostro Comune si è presentato in conferenza dei servizi con un membro dell'ufficio tecnico e non con l'autorevolezza politica istituzionale del Sindaco, del vice sindaco o con il ruolo tecnico dell'ingegnere responsabile dell'ufficio.

Il Sindaco non ha avvertito alcuna necessità di rappresentare in quella sede gli atti che sono stati votati in Consiglio comunale e né, tanto meno, di far sentire la voce dei cittadini di Anagni che hanno detto un NO a chiare lettere verso l'invasivita' di questo mega impianto rifiuti.

Il Sindaco non può fare la voce grossa in Consiglio comunale e mancare la partecipazione nelle sedi decisionali!

ùIl Sindaco deve, inoltre, assumere impegno al rapido rilascio del suo PARERE SANITARIO, su cui dovrà confrontarsi la prossima definitiva CdS, che non è minimamente sostituibile dalla relazione dei medici per l'ambiente che non trova neanche menzione negli atti della CdS dello scorso 6 aprile.

Come consiglieri di minoranza, e raccogliendo attese e preoccupazioni di tutti i cittadini di Anagni, riteniamo che serva chiarezza e assunzione di responsabilità da parte di chi governa la nostra città.
Confidiamo, pertanto, che la nostra richiesta di convocazione urgente sia accolta quanto prima.

F.to A Cardinali, N Di Giulio, F Fioramonti, S Tagliaboschi, V Tasca.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Anagni: “Monnezza a peso d’oro che costa un bel danno all’erario”!

ANAGNI

“L’ amministrazione della svolta che fa?..."

di cittatrepuntozero - coraggio delle idee
Anagni Palazzo della Ragione 350 260Esordiscono così Cittatrepuntozero e Coraggio delle Idee, commentando le notizie degli ultimi giorni: l'amministrazione Natalia ha richiesto 992mila euro dei fondi del Pnrr per l’acquisto di 15 mini isole ecologiche da posizionare nelle periferie della Zona 3, per efficientare il servizio di raccolta differenziata.

I movimenti guidati dal Consigliere Fernando Fioramonti e dalla dottoressa Serenella Poggi, che da poco hanno deciso di convergere in un'unione di intenti, proseguono in una nota congiunta: “La nostra protesta non riguarda le problematiche che attanagliano da anni le periferie in Zona 3: il loro problema c’è e va necessariamente risolto, con un servizio di raccolta differenziata serio ed efficiente. Quello di cui si discute è un’altra cosa ed è un fatto rilevante, che merita di essere portato a conoscenza di tutti. Il sindaco e l’amministrazione comunale – proseguono Cittatrepuntozero e Coraggio delle Idee – devono spiegare il perché di questa scelta che costerà ai cittadini e alle casse comunali quasi 2 milioni di euro. L’ Amministrazione omette di spiegare che le mini isole ecologiche sono già state pagate profumatamente dai cittadini. Infatti le stesse mini isole sono oggetto del contratto sottoscritto dalla De Vizia e dal Comune di Anagni ben 7 anni fa e sono state già profumatamente pagate alla ditta appaltatrice dai contribuenti con il versamento della Tari. Tuttavia, dai dati in nostro possesso, non risulta che siano mai state installate e nessuno, men che meno l’attuale amministrazione, ha mai chiesto alla ditta di installarle o, in alternativa, di restituire i soldi già sborsati”.

Quindi i movimenti proseguono: “L’ amministrazione della svolta che fa? Non solo non richiede indietro i soldi per un servizio inserito nel contratto e mai reso ai cittadini ma, anzi, chiede allo Stato italiano ulteriori fondi (992mila euro) per lo stesso servizio. E’ evidente che quanto annunciato è un vero e proprio artifizio amministrativo: un servizio pagato due volte, che costa ai cittadini quasi 2 milioni di euro, e si concretizza come un vero e proprio danno alle casse dell’erario pubblico”.

Di questo e dell’intera gestione del sistema di raccolta differenziata, parleranno gli esponenti di Cittatrepuntozero e Coraggio delle Idee in una conferenza stampa in programma martedì 22 Marzo alle ore 18.00 presso la sala del Bar Miró, sito in via Casilina km 63.500.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

 

Leggi tutto...

I numeri veri del gas prodotto dal biodigestore di Anagni

AMBIENTE. BIODIGESTORI

La dura realtà dei numeri sconfessa i vantaggi propagandati

L’Associazione Medici di Famiglia per l’Ambiente di Frosinone e Provincia con dati numerici incontrovertibili porta conoscenza di tutti la vera ipotesidigestoreproduzionediscaricastoccaggio 390 minconsistenza, della tanto, ad arte, propagandata produzione di energia da parte dei biodigestori in questo momento di crisi energetica generale.

Esempio di riferimento il biodigestore di 84.000 tonnellate/anno di rifiuti da trattare che si vorrebbe impiantare ad Anagni. Se producesse quanto riportato sulla carta nel progetto presentato per l’autorizzazione, vale a dire 2.280.447 m3/anno di biometano, coprirebbe lo 0,0032% del fabbisogno nazionale di gas naturale che nel 2020 è stato di 70miliardi e 300mila milioni di m3 secondo i dati ufficiali forniti dal Mi DGSAIE.

Sarebbero necessari 30.827 biodigestori per soddisfare il fabbisogno nazionale di gas, quattro biodigestori, come quello di Anagni, per ogni Comune d’Italia. Se consideriamo che le 7,2 milioni tonnellate di rifiuti umidi prodotti in Italia nel 2020, sarebbero sufficienti per rifornire 85 biodigestori come quello di Anagni, dovremmo centuplicare la produzione di rifiuti organici e neppure riusciremmo a coprire il fabbisogno. Un pazzia.

Inoltre, se il trasporto di conferimento dei rifiuti in entrata, può con benevolenza essere considerato invariante, di certo il consumo di carburante necessario per portare a discarica 7.000 tonnellate/anno di plastiche, 6.800 t/a di sovvalli e 34.200 t/ di ammendante, rappresentano un aggravio energetico negativo esorbitante, non colmabile. Questa la dura realtà dei numeri, a sconfessare implacabilmente, quanti con artifizi mediatici propagandistici, vogliono far apparire un vantaggio energetico per tutti quello che in realtà è un danno colossale per i cittadini mentre rappresenta un arricchimento spropositato per i proponenti.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Lettera aperta al Sindaco di Anagni Avv. Daniele Natalia

AMBIENTE - BIODIGESTORI

Sindaco: Dare seguito al suo no verbale con un no giuridicamente legittimato

Biodigestore 390 FrosinoneToday min minLa Direzione Regionale Ambiente - Area Autorizzazione Integrata Ambientale ( AIA ), della Regione Lazio, con Protocollo nr: 223707 - del 04/03/22 ha convocato la 2° seduta della Conferenza di Servizi per il giorno 06/04/2022 ore 10:30 – avente per oggetto:- Istanza di Autorizzazione Integrata Ambientale ( AIA ) per nuovo impianto di Biodigestione e Compostaggio sito in loc.Selciatella di Anagni.

Signor Sindaco,
nello scorso mese di ottobre Lei ha annunciato, a sorpresa, il Suo NO all’ impianto di un BIODIGESTORE in località Selciatella di Anagni dopo aver sostenuto convintamente per due anni le ragioni del SI’.
Ha spiegato il cambiamento della Sua posizione, motivandola con l’ ascolto delle proteste e del dissenso della gran parte degli anagnini, sottolineando la Sua insufficiente considerazione delle specifiche caratteristiche tecniche dell’ impianto e delle conseguenze preoccupanti per la salubrità
dell’ ambiente e la salute della popolazione.

IL SUO NO HA CONFUSO MOLTISSIMO LA POPOLAZIONE CHE ad oggi:

1. PENSA CHE LA QUESTIONE SIA CHIUSA
2. E’ CONVINTA CHE IL BIODIGESTORE NON SI FARA’
3. HA DIMENTICATO I RICORSI PRESENTATI AL TAR ( TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE )
MA NON E’ COSI’
Nella Conferenza di Servizi del prossimo 6 aprile la Regione potrebbe rilasciare definitivamente l’ autorizzazione all’ Impianto e il parere sanitario del Sindaco è obbligatorio ed ha un peso amministrativo e politico di primo piano in quanto gli viene riconosciuto l’ esercizio di una serie di poteri di garanzia.

QUINDI PER ESSERE EFFICACE E CONGRUENTE CON IL SUO NO, TORNIAMO A CHIEDERLE DI DARE SEGUITO AL SUO NO VERBALE CON UN NO GIURIDICAMENTE LEGITTIMATO DALL’ ESERCIZIO DEI POTERI RICONOSCIUTI AL SINDACO, CONFERMANDO NELLA PROSSIMA CONFERENZA DI SERVIZI DEL 6 APRILE LA SUA NETTA OPPOSIZIONE ALL’ IMPIANTO
DI UN BIODIGESTORE PER LO SMALTIMENTO DI 84.000 tonn. annue DI RIFIUTI SOLIDI URBANI AD ANAGNI IN LOCALITA’ SELCIATELLA, TENEND0 ANCHE CONTO DELLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 39 DEL GIORNO 2 DICEMBRE 2021.

 

IL COORDINAMENTO AMBIENTALE ANAGNI-COLLEFERRO
ANAGNI VIVA
COMITATO RESIDENTI COLLEFERRO,
DIRITTO ALLA SALUTE - DAS
RETUVASA Rete Tutela Valle del Sacco
nel ricorso al TAR è rappresentato dagli avv. FLORIDI e GALANTI.
I cittadini che vogliono continuare a contribuire liberamente alle spese legali per il ricorso, possono farlo versando
sull’IBAN n. IT 96 X08 344 7429 000000 184 8050
intestato all'Associazione “ Anagni Viva ” presso BancAnagni, con causale
"NO al Biodigestore"
Anagni, 15 marzo 2022

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici