fbpx

Informazione, propaganda e discernimento

CRONACHE&COMMENTI

Reporter senza frontiere 2022, sulla libertà di stampa: Italia al 58° posto, Russia al 155°

di Aldo Pirone
giornali in edicola 350 260Lo si dovrebbe sapere, ma c’è sempre qualcuno che cade dal pero. Le guerre non si combattono solo con le armi ma anche con la propaganda, l’informazione e la disinformazione. Ognuno avvalendosi, in questo campo, degli strumenti del tempo. In quello nostro c’è anche la dimensione cibernetica e informatica che è usata, soprattutto dalle grandi potenze, anche quando non si è in guerra aperta.

Il campo della propaganda sui mass media, TV, radio e giornali, è sempre molto usato, com’è noto. Così come su quelle tribune è veicolata anche un’informazione più seria e obiettiva dovuta innanzitutto ai corrispondenti in loco su come vanno i conflitti armati sul campo, sulle sofferenze dei civili, sulle nefandezze compiute dai militari, sulle distruzioni provocate da bombardamenti attraverso aerei, missili, droni, mortai cannoni e quant’altro.

L’intervista al ministro degli esteri russo Lavrov curata dal berlusconiano Giuseppe Brindisi trasmessa su Rete 4 Mediaset, ha sollevato il consueto vespaio di critiche e contro critiche in cui si sono esibiti i soliti atlantisti con l’elmetto dimentichi delle loro interviste genuflesse ai potenti, politici e non, di turno. Qualcuno ha perfino chiesto, con grave sprezzo del ridicolo, l’intervento del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica (Copasir). La libertà d’informazione che è insita nei regimi democratici non prevede ostracismi ed è giusto che sui nostri mass media vadano in onda interviste anche con esponenti politici e propagandisti russi. Del resto, di là della questione di principio, è bene che parlino, così aiutano tutti a comprendere dove siano i torti e le ragioni fra aggrediti e aggressori con tutti i loro annessi e connessi di sfida fra grandi potenze, e, soprattutto, la sostanza del regime autocratico russo dove la libertà d’informazione è sconosciuta e giornalisti e dissidenti politici, intellettuali e di altra specie, di regola e non come eccezione, scompaiono morti ammazzati, suicidati o avvelenati.

Altra cosa è la professionalità del giornalista che ospita questi personaggi. Basterebbe fare il confronto fra l’intervista a Lavrov fatta dal berlusconiano Brindisi e quella di circa un mese fa fatta da Christiane Amanpour sulla Cnn a Peskov portavoce di Putin, per rendersi conto della differenza sostanziale fra uno giornalista zerbino che alla fine augura, con involontaria e macabra ironia, “buon lavoro” al ministro russo, e una giornalista vera.

Ho detto che la libertà d’informazione è insita nei regimi democratici. È vero in generale. Perché, anche in questo campo, vige la potenza del denaro ed è innegabile che in Italia le cose, anche qui, sono parecchio regredite rispetto al primo trentennio repubblicano, quando ad assicurare un certo equilibrio e una voce stabile alle classi popolari e subalterne erano i loro grandi partiti di massa con i loro giornali e con una molteplicità di apparati propagandistici e di controinformazione rispetto a lorsignori; almeno nella carta stampata che all’epoca contava molto di più.

L’ultimo indice annuale di Reporter senza frontiere, uscito qualche giorno fa, sulla condizione della libertà di stampa, assegna all’Italia il 58esimo posto a fronte del 41esimo dell’anno scorso. La situazione è assai peggiorata. Ma anche qui bisogna evitare, come fanno alcuni giornalisti esacerbati dalla faziosità, di far calare la notte per rendere i gatti tutti bigi. C’è un limite qualitativo fra regressione democratica, in cui è possibile e necessario per le forze popolari e progressiste impegnare una lotta per controbilanciare la strapotenza di lorsignori, e assenza dei requisiti minimi di democrazia in regimi semi totalitari e illiberali, dove la lotta per conquistare il terreno della democrazia è primordiale.

Non a caso nella graduatoria di Report senza frontiere la Russia di Putin è al 155esimo posto.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone,  scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici