fbpx

La pace in 4 tappe. E' italiana la prima e unica proposta

19 maggio 2022. Sul tavolo dell'Onu arriva il piano del governo italiano. Primo e unico per ora

di Tommaso Ciriaco - ©repubblica.it
DiMaio Guterres 390 minIl ministro degli Affari Esteri Luigi Di Maio e il Segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres (ansa)
Il documento. Nella proposta presentata da Di Maio a Guterres una vigilanza internazionale
ROMA - È il piano italiano per la pace. Un documento elaborato alla Farnesina, in stretto coordinamento con Palazzo Chigi. L'ha presentato ieri a New York il ministro Luigi Di Maio durante un colloquio con il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres. Alcuni contenuti della bozza sono stati anticipati agli sherpa del G7 e del gruppo Quint. Prevedono un percorso in quattro tappe, sotto la supervisione di un Gruppo internazionale di Facilitazione (GIF): il cessate il fuoco, la possibile neutralità dell'Ucraina, le questioni territoriali - in particolare Crimea e Donbass - e un nuovo patto di sicurezza europea e internazionale. Ad ogni singolo passaggio, andrà testata la lealtà agli impegni assunti dalle parti, in modo da poter procedere allo step successivo. Ecco come è nata la svolta diplomatica di Roma e i dettagli del contenuto del piano, che Repubblica è in grado di anticipare.

Tutto nasce dalla volontà politica di costruire durante il conflitto le condizioni per fermare le armi. "Se è vero che la guerra è il fallimento della diplomazia - ha spiegato durante i lavori preparatori Di Maio ai tecnici della Farnesina - è anche vero che è la diplomazia a poter mettere fine alle guerre. Tutte prima o poi finiscono e bisogna farsi trovare pronti con dei piani per il dopo-guerra". Un approccio che risponde alla filosofia della Farnesina, sintetizzata da Di Maio nelle ultime ore: sanzioni, sostegno alla legittima difesa ucraina e assistenza finanziaria e umanitaria a Kiev. Ma anche impegno per costruire la pace.

Dunque, questi i dettagli della proposta diplomatica consegnata ieri dal ministro a Guterres durante la missione al Palazzo di Vetro e anticipata a grandi linee ai diplomatici dei ministeri degli Esteri del G7 e del Quint (Usa, Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia) dai tecnici che seguono il dossier, in particolare il segretario generale della Farnesina, Ettore Sequi, e il direttore degli affari politici, Pasquale Ferrara. Il primo passo prevede il cessate il fuoco, da negoziare mentre si combatte. È un elemento fondamentale, perché è irrealistico immaginare che una tregua si realizzi da sola o che sia la precondizione per trattare. Il cessate il fuoco andrebbe accompagnato, nella proposta italiana, da meccanismi di supervisione e dalla smilitarizzazione della linea del fronte, per discutere i nodi aperti e preparare il terreno a una cessazione definitiva delle ostilità. È il passaggio più complesso, vista la situazione sul terreno. Se realizzata, aprirebbe uno spazio di pace rilevante.

Il passo successivo - il secondo - ruota attorno al negoziato multilaterale sul futuro status internazionale dell'Ucraina. E in particolare sull'eventuale condizione di neutralità di Kiev, assicurata da una "garanzia" politica internazionale. La sede in cui discutere questa neutralità sarebbe una conferenza di pace. A tutela degli ucraini, la condizione è che questo status sia pienamente compatibile con l'intenzione del Paese di diventare membro della Ue. Aspetto decisivo, visto che l'adesione porta con sé impegni e clausole che andrebbero modulati in sull'eccezionalità dell'ingresso.

Il terzo punto, il più "caldo" sotto il profilo diplomatico, riguarda la definizione dell'accordo bilaterale tra Russia e Ucraina sulle questioni territoriali, sempre previa mediazione internazionale. Centrali sono ovviamente Crimea e Donbass. Nel patto, suggerisce il piano, andrebbero risolte le controversie sui confini internazionalmente riconosciuti, il nodo della sovranità, del controllo del territorio, le disposizioni legislative e costituzionali di queste aree, le misure politiche di autogoverno. E inclusi i diritti linguistici e culturali, la libera circolazione di persone, beni, capitali e servizi, la conservazione del patrimonio storico e alcune clausole di revisione a tempo. L'elenco dei temi lascia intendere la cornice: un'autonomia praticamente totale delle aree contese e una gestione della sicurezza autonoma. Ma il richiamo ai confini riconosciuti a livello internazionale lascia supporre l'intenzione di non mettere in discussione la sovranità di Kiev sull'intero territorio nazionale.

Infine la quarta tappa. Si propone un nuovo accordo multilaterale sulla pace e la sicurezza in Europa, nel contesto dell'Osce e della Politica di Vicinato dell'Unione europea. Di fatto, un riassetto degli equilibri internazionali, a partire dal rapporto tra Unione europea e Mosca. In questo quadro, vengono elencati una serie di priorità da definire: la stabilità strategica, il disarmo e il controllo degli armamenti, la prevenzione dei conflitti e le misure di rafforzamento della fiducia. Oggetto di mediazione, inoltre, anche la definizione di un delicatissimo aspetto postbellico: il ritiro delle truppe russe dai territori occupati. L'obiettivo è quello di riportarle quantomeno allo status quo ante il 24 febbraio 2022, data dell'invasione ordinata da Putin. Questo ritiro sarebbe progressivo, così come progressiva sarebbe la possibile revoca condizionata, parziale, graduale, proporzionale delle sanzioni nei confronti della Russia.

A gestire questa gigantesca mole di impegno diplomatico è il GIF, il Gruppo Internazionale di Facilitazione. L'Italia propone che ne facciano parte Paesi e organizzazioni internazionali, in particolare Onu e Ue. Non è definita una lista completa delle capitali che sarebbero coinvolte, perché l'idea è avanzare una proposta emendabile. Ma si parte dagli Stati che già alcune settimane fa erano considerati "arruolabili" allo scopo: Francia, Germania, Italia, Turchia, Stati Uniti, Cina, Canada, Regno Unito, Polonia, Israele. "Il GIF - è scritto in uno dei passaggi del documento illustrato da Di Maio a New York - favorirebbe attività di monitoraggio, il dispiegamento di contingenti di pace e l'istituzione di missioni di osservatori al fine di assicurare l'attuazione delle varie intese raggiunte dalle Parti con l'assistenza ed il sostegno internazionali". Tra gli altri compiti di questa unità di contatto c'è il coordinamento multilaterale per gli aiuti e per il sostegno alla ricostruzione attraverso "una Conferenza di donatori".

L'obiettivo di Roma, ha spiegato Di Maio a Guterres, è individuare "una soluzione giusta, equa, concordata tra le parti, basata sull'indipendenza e l'integrità territoriale dell'Ucraina". E questo perché "uno dei limiti dei tentativi esperiti sinora è che essi, pur essendo importanti, sono iniziative isolate". Meglio mobilitare diversi "partner internazionali in modo coordinato". Si vedrà quanto la proposta italiana riuscirà a camminare sulle proprie gambe. Di certo, serve a posizionare Roma nella partita diplomatica. "L'Italia - sintetizza il ministro - spinge per una soluzione di pace, e l'Ue deve svolgere un ruolo di primo piano. Draghi su questo è stato netto: vogliamo che l'Ue scelga di essere protagonista".

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

 

con una carta oppure con l'App PayPal dal tuo smartphone, scansionando il QR Code che segue qrcode

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Prima in Parlamento, non dopo

CRONACHE&COMMENTI

Più attento all’opinione pubblica preoccupata dal nostro coinvolgimento bellico

di Aldo Pirone
draghi ansa 390 minIeri Draghi ha parlato all’europarlamento di Strasburgo. Tutta la parte del suo discorso sul federalismo europeo, pratico e ideale, “che abbracci tutti gli ambiti colpiti dalle trasformazioni in corso, dall’economia, all’energia, alla sicurezza”, sul rapido superamento del principio intergovernativo dell’unanimità fino alla revisione dei Trattati istitutivi dell’Ue, è condivisibile. Bisognerebbe aggiungere a quegli ambiti anche quello sociale, ambientale e del lavoro, non riassumibili semplicemente nella categoria “economia”. Com'è condivisibile quanto detto, a proposito della guerra in Ucraina, sugli obiettivi dell’Italia. “L’Italia, come Paese fondatore dell’Unione Europea, come Paese che crede profondamente nella pace, - ha detto - è pronta a impegnarsi in prima linea per raggiungere una soluzione diplomatica”, “Aiutare l’Ucraina vuol dire soprattutto lavorare per la pace. La nostra priorità è raggiungere quanto prima un cessate il fuoco, per salvare vite e consentire quegli interventi umanitari a favore dei civili che oggi sono e restano ancora molto difficili”. Inoltre, ha sottolineato che “una tregua darebbe anche nuovo slancio ai negoziati, che finora non hanno raggiunto i risultati sperati. L’Europa può e deve avere un ruolo centrale nel favorire il dialogo”.

Diciamo che queste affermazioni si collocano più vicino al discorso di Mattarella al Consiglio d’Europa di mercoledì scorso – manca il forte riferimento alla necessità di una nuova Helsinkj e al multilateralismo come metodo di governo del mondo - che non alla strategia angloamericana di una guerra fino all’umiliazione di Putin e della Russia emersa nel vertice di Ramstein, svoltosi al suono dell’inno dei marines Usa. Discorso di Mattarella non a caso pubblicato integralmente sul sito dell’Anpi, citato dal segretario della Cgil Landini e da tutti quelli che chiedono un’iniziativa di pace urgente con proposte concrete da parte dell’Unione europea. Richiesta che viene anche da chi non è d’accordo con l’invio di armi, e da chi è contrario anche all’emanazione di sanzioni alla Russia. Mentre il discorso presidenziale è stato, e anche qui non a caso, pressoché obliterato dagli atlantisti pro Nato forever di casa nostra. Gli aiuti all’Ucraina dell’Italia, perciò, dovrebbero essere traguardati a questa iniziativa europea ancora assente che è cosa diversa dall’impostazione angloamericana.

Il luogo in cui Draghi ha svolto il suo intervento, l’europarlamento, è significativo. Le stesse cose dovrebbe dirle al Parlamento italiano, magari con una qualche respiro mattarelliano in più, andando incontro alle preoccupazioni maggioritarie dell’opinioni pubblica circa un nostro coinvolgimento bellico, senza se e senza ma, al seguito di Usa e Gran Bretagna.

Prima di andare a Kiev da Zelensky e a Washington da Biden per fargliele presenti, non dopo.

 

malacoda 75

Aldo Pirone, redattore di malacoda.it

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

Leggi tutto...

Prima di tutto: il Contratto collettivo nazionale

DIRITTI SINDACALI

Primato del contratto collettivo nazionale su tutti gli altri che non rappresentano nessuno

di Angelino Loffredi
lavoro diritti 390 minI poco conosciuti contratti pirata, purtroppo, anche in questi anni sono in espansione, anche perchè sono utili a comprimere i salari. Lo rivela un'accurata ricerca realizzata dalla Fondazione Di Vittorio, Cemu e Filcams.
Tali contratti costituiscono un fenomeni molto esteso nel settore terziario. Vengono sempre sottoscritti in ambiti lavorativi di scarsa sindacalizzazione da parte di organizzazioni scarsamente rappresentative ma sempre sostenute e protette dagli stessi imprenditori.

Se si esamina meglio la ricerca ci si accorge che attraverso tali contratti la retribuzione tabellare e d'ingresso è di 500-700 euro in meno; mancanza della quattordicesima; deroga "in peggio" dei trattamenti; indennità minori per straordinari e turni disagiati; pagamento parziale dei primi tre giorni di carenza malattia, che si aggira tra il 50 e il 60%, a seconda del contratto pirata; negli appalti assunzione dell'80% dell'impresa subentrante; uso sbilanciato della bilateralità che si svolge "nella più completa oscurità della sua governance".

Credo quindi sia urgente e necessario contrastare e battere tale fenomeno e dalla stessa ricerca provengono anche delle proposte che sinteticamente riporto.

Tra queste c'è la precisazione dei perimetri contrattuali, andando verso un codice unico (Cnel-Inps/Uniemens). Poi bisogna arrivare alla misurazione certificata della rappresentatività, e qui torna il tema della legge che la Cgil chiede da tempo. I contratti più rappresentativi devono avere efficacia erga omnes: occorre ribadire insomma il primato del contratto collettivo nazionale sugli altri che non rappresentano nessuno.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

Ceccano Calcio. Mister Mirco Carlini valuta la prima fase della stagione

CECCANO CALCIO 1921

 Mister come valuta questo avvio di stagione?

di Valentino Bettinelli*
MircoCarlini 350 minGiunti quasi al giro di boa del campionato, in casa Ceccano Calcio è tempo di bilanci e in questa intervista daremo spazio all’analisi di mister Mirco Carlini.

1. Mister, una prima parte di stagione che vede un Ceccano protagonista su due fronti, sia in Campionato che in Coppa Italia. Come valuta questo avvio di stagione?
Il bilancio è ampiamente positivo. Siamo terzi in classifica e abbiamo superato due turni di Coppa Italia vincendo due gare difficilissime in trasferta, a Tecchiena e Roccasecca. Sono contento dell’ambiente che si è creato. Uno spogliatoio ben amalgamato tra i più grandi e i tanti giovani in età di lega e stiamo facendo davvero bene. Il rammarico più grande di questa prima fase di stagione è stata la perdita immediata per infortunio di Paolo Seppani, che speriamo di riabbracciare presto in gruppo. Altra nota negativa quella degli scontri diretti con Monte San Biagio e Tecchiena, affrontati con assenze pesantissime che ne hanno condizionato il risultato.

2. Proprio sui giovani, insieme alla società, state portando avanti un percorso davvero importante. Può parlarci di questo aspetto?
In accordo con la società abbiamo deciso di portare avanti un progetto che vede al centro i nostri giovani. In diverse gare abbiamo giocato con quattro o anche cinque età di lega contemporaneamente in campo. Ho impiegato quindici ragazzi in età di lega, facendone esordire tanti, e tutti si sono sempre fatti trovare pronti. Questo ci permette di guardare al futuro con ottime prospettive, perché già dal prossimo anno si potrà giocare con la stessa formazione, con giovani che avranno accumulato un anno di esperienza importante a questo livello..

3. Alla luce di questo bilancio, può dirci la sua in merito alla situazione che sta vivendo il campionato, tra rinvii e decisioni su una possibile temporanea sospensione che ancora non arrivano?
In considerazione del notevole aumento di casi di positività al Covid-19, la decisione più corretta sarebbe quella di sospendere per due o tre settimane, ripartendo i primi di febbraio e allineando tutte le squadre. Noi abbiamo avuto già due gare rinviate e, in caso di mancata sospensione, ci troveremmo a recuperarle in turni infrasettimanali, in cui molti giocatori avrebbero problemi ad essere presenti. Ricordiamo che siamo dilettanti e la maggior parte dei calciatori lavorano. Già nel turno infrasettimanale del 23 dicembre abbiamo pagato lo scotto delle assenze dovute a motivi di lavoro. Senza sospensione si rischia di falsare il campionato e per il regolare svolgimento dello stesso, andrebbe rivisto il protocollo, anche alla luce delle nuove norme sulla quarantena che entreranno in vigore tra qualche giorno.

 

*Valentino Bettinelli, Ufficio Stampa

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

“Artè Ceccano”. Prima mostra

CECCANO CULTURA

Evento riuscito e con grande successo di partecipazione

di Valentino Bettinelli
artèceccano 370 minPrima edizione della mostra d’arte “Artè Ceccano”, organizzata dalla Pro Loco di Ceccano del Presidente Danilo Diana. Evento riuscito e con grande successo di partecipazione, sia per quel che riguarda gli artisti che il pubblico presente.

Il presidente Diana si è detto “soddisfatto del risultato ottenuto con questa prima mostra organizzata grazie al lavoro di tutto il nuovo direttivo con cui mi onoro di collaborare. Accogliamo l’ottima riuscita della mostra ringraziando i trenta artisti, di Ceccano e non solo, che hanno raccolto il nostro invito e hanno esposto le loro opere in Piazza Municipio”.

Un pomeriggio che ha visto tante persone transitare davanti alle opere esposte. Giovani e meno giovani. Tante famiglie che hanno apprezzato i lavori degli artisti presenti alla mostra: pittori, disegnatori, scultori, fotografi e tatuatori.
Diana continua estendendo i propri ringraziamenti al Parroco di San Giovanni, Don Tonino Antonetti. “Intendo ringraziare di vero cuore, a nome di tutto il direttivo e dei soci, Don Tonino, per la disponibilità dimostrata e per la benedizione impartita all’evento e alla nostra associazione. Una partecipazione importante anche delle opere dei ragazzi dell’Oratorio del Sorriso, da lui curato nella parrocchia del Sacro Cuore con il coordinamento di Sara Mastrogiacomo. Una grande emozione per tutti noi aver potuto esporre le creazioni di ragazzi davvero unici, che con le loro raffigurazioni hanno saputo toccare il cuore di tutti i presenti”.

L’evento si è concluso con una bellissima serata in piazza Municipio, durante la quale la Pro Loco ha organizzato la presentazione al pubblico di tutti gli artisti che hanno partecipato alla mostra. “Abbiamo voluto omaggiare chi ha partecipato con un attestato che ricordasse la loro presenza all’evento” - ha dichiarato il presidente Diana -. “Nel finale alcuni artisti hanno dovuto andar via per motivi personali, ma abbiamo provveduto a citarli e invieremo ad ognuno il proprio attestato”.artèceccano 2 360 min

Danilo Diana ha voluto, inoltre, rivolgere il proprio omaggio all’ex Presidente Marina Scopigli. “Insieme al direttivo abbiamo deciso di nominare Marina Scopigli presidente onoraria dell'associazione, per l’ottimo lavoro svolto durante la sua ventennale attività da presidente. Siamo stati onorati dalla presenza di Marina in occasione della nostra mostra e come piccolo gesto di riconoscenza abbiamo voluto omaggiarla con un mazzo di fiori”.

In conclusione il presidente ha lanciato un messaggio a tutti i suoi concittadini: “abbiamo già organizzato due eventi importanti, a soli due mesi dal rinnovo del direttivo, e abbiamo intenzione di continuare con forza la nostra attività. Invito tutti i ceccanesi a partecipare all’attività della Pro Loco, chiedendo di tesserarsi e portando idee, consigli e suggerimenti per crescere insieme. La Pro Loco è l’associazione della città e dei cittadini ed è aperta a tutti”.

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Clicky

 

 

 

Leggi tutto...

La prima iniziativa di "Plastic free" a Ceccano

CECCANO. AMBIENTE

Il punto sulla prima giornata di raccolta organizzata di rifiuti

di Valentino Bettinelli
rifiuti Ceccano 350 minMarco Bovieri, referente ceccanese dell’associazione “Plastic Free Italia”, fa il punto sulla prima giornata di raccolta di rifiuti organizzata. Una tappa iniziale prevista per lo scorso 21 marzo e che ha visto impegnati tanti volontari, che si sono impegnati nella pulizia di alcuni tratti di strada. Bovieri parla della sua esperienza.

Domenica 21 marzo, l'obiettivo che mi ero prefissato era di percorrere e ripulire viale Fabrateria Vetus, partendo dal piazzale del cimitero e raggiungendo la scuola di Passo del Cardinale, per un percorso di circa 2 chilometri. Purtroppo sono stato molto ottimista, perché nel percorrere i primi 300 metri si può vedere cosa abbia trovato. Rifiuti raccolti con la collaborazione di due miei coetanei, anche loro iscritti all’iniziativa, ma nella totale indifferenza dei passanti, nonostante fosse domenica e di gente a passeggio ce ne fosse veramente tanta”.

Bovieri conclude con una considerazione di sdegno nei confronti del lassismo da parte dei cittadini e con un invito a partecipare alle prossime iniziative.

“Resto esterrefatto soprattutto disgustato, ma sono certo di aver toccato le coscienze delle persone più sensibili e alle quali rinnovo l'invito a partecipare numerosi ai prossimi eventi”.

 

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

La prima diretta streaming di UNOeTRE.it

Dirette Video

Vaccinazioni, Strutture, Carte sanitarie elettorniche

1e3it ombra 350quLa Regione Lazio ha concluso, forse completamente, la vaccinazione anticovid 19 di tutto il personale sanitario oltre che degli ospiti nelle Residenze Sanitarie. Nello stesso tempo ha annunciato da lunedì 1° febbraio 2021 l’avvio delle prenotazioni e l’inizio delle vaccinazioni dall’8 febbraio. Dopo alcune incertezze, dovute al blocco delle pagine web regionali di registrazione, si sono avviate le vaccinazioni di oltre 200mila ultraottantenni del Lazio.

Nel momento in cui consideriamo positivamente i primi passi ci permettiamo anche di evidenziare aspetti che meritano ugualeLocandina sanità 12feb21 300 min attenzione. La domanda che facciamo è: perché debbono essere i cittadini a prenotarsi e non invece la Regione, attraverso i propri uffici periferici, a predisporre il calendario vaccinale? Solleviamo questo aspetto non solo per evidenziare le difficoltà di molti nostri concittadini, in avanzata età, a utilizzare il mezzo elettronico ma in particolar modo per evidenziare proprio il ritardo che la Regione Lazio ha accumulato nel dotarsi di sicuri ed efficaci strumenti informatici per collegarsi con i cittadini, con i propri uffici, e con le altre istituzioni territoriali.

Riteniamo che ci siano strutture ospedaliere rese inattive che possono proficuamente essere riutilizzate, sollecitiamo doverosamente la predisposizione di un rinnovato impegno dell’estesa rete dei medici di famiglia e vorremmo che si colmasse il grande ritardo dell’indispensabile adeguamento delle funzionalità, previste in fase di progetto, delle carte sanitarie elettroniche. Tutti aspetti sottovalutati e che al contrario meritano di essere messi all’attenzione delle Istituzioni e seguito da tutti con sistematicità e tempismo.

Di questi argomenti Ina Camilli e Angelino Loffredi ne parleranno con il dottor Arturo Gnesi e con la dottoressa Emanuela Piroli in una diretta organizzata da UNOeTRE.it su Facebook per venerdì 12 febbraio 2021, coordinata da Ignazio Mazzoli. (vedi locandina a lato)
La trasmissione si svolgerà dalle 17,00 alle 18,00 (all’incirca un’ora, poco più poco meno) con interventi di 5 minuti per ciascuno.

La Redazione di UNOeTRE.it si accinge, con questo impegno, a fare di questa trasmissione la prima iniziativa di interventi regolari in video, complementari all’informazione scritta già in rete del giornale.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Prima riunione operativa del coordinamento di 'Demos'

Associazioni politiche

'Demos - Democrazia Solidale' per la provincia di Frosinone

di Bruno Galasso
Demostessera minSi è tenuta nei giorni scorsi la prima riunione operativa del Coordinamento di Demos - Democrazia Solidale per la provincia di Frosinone, guidato da Luigi Maccaro.

In un'atmosfera serena e cordiale, ma gravida di entusiasmo e di potenzialità ancora tutte da esprimere, si sono gettate le basi delle attività future, in vista degli imminenti appuntamenti elettorali che coinvolgeranno l'intero territorio, dal rinnovo del Consiglio Provinciale a quello di un gran numero di Amministrazioni locali.

Dopo il notevole successo alle Amministrative di Cassino del 2019 (con l'ottenimento di un Assessore e di due Consiglieri comunali), e con la recente nascita del Coordinamento provinciale Demos Frosinone, la ventata di aria nuova che il partito Demos - Democrazia Solidale ha portato un po' dovunque in Italia sta ora attirando l'attenzione della politica e della società di questo territorio.

In tanti, spesso demotivati da anni di delusioni, stanno avvicinandosi a Demos - Democrazia Solidale, il partito fondato da Paolo Ciani, Coordinatore Nazionale del partito e Consigliere Regionale del Lazio, nella speranza di poter portare un contributo nuovo e originale al dibattito sul futuro del territorio e, soprattutto, di produrre risultati tangibili e concreti per la popolazione.
I punti su cui si è deciso di impegnarsi sono quelli fondanti di Demos - Democrazia Solidale, dalla cultura al lavoro, dall'ambiente alla sanità, con in primo piano le emergenze drammatiche legate al futuro dei nostri giovani, alle fragilità sociali e al recupero delle periferie.

L'elaborazione delle strategie e delle iniziative conseguenti è già in fase avanzata, e daremo conto nei prossimi giorni di come siDemos soloLogo min intende giungere, con idee chiare, all'imminente Tavolo di Coalizione del Centrosinistra, in vista delle elezioni provinciali.
Gli attuali componenti di Demos - Provincia di Frosinone sono Luigi Maccaro, Alessandra Umbaldo, Bruno Galasso, Fabio Gervasio, Silvia Tusei, Antonella Del Greco, Manuela Maliziola, Maria Grazia Baldanzi e Clarissa Silvestri, ma la situazione è in ulteriore evoluzione.

Riguardo al tesseramento Demos, è già possibile iscriversi attraverso il sito www.democraziasolidale.it ed ottenere la tessera 2021.
Ringraziamo fin d'ora quanti sapranno cogliere la diversità e l'importanza della proposta di Demos - Democrazia Solidale, un partito giovane, fatto di gente motivata ma, soprattutto, contenitore e propellente di nuove idee.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

Quando incontrammo i virus la prima volta?

 SaluteBenessere

 Aiutiamo l'efficienza delle nostre naturali difese immunitarie

Dr. Antonio Colasanti
Microscopio virus e batteri 370 minNegli scritti di Ippocrate, padre della medicina, tra le altre descrizioni di malattie si trova un resoconto chiaramente riconoscibile della parotite, dei suoi sintomi e del decorso della sua natura contagiosa, nonche la tendenza a colpire i bambini grandicelli.

E' la prima descrizione chiara di una malattia da virus. Se non altro sin dai tempi di Ippocrate l'obiettivo del medico è consistito nel cercare di capire, per poterle controllare, le manifestazioni della malattia. Ancora oggi questo rimane il principale obiettivo del virologo.

La piu famosa di tutte le grandi epidemie, la pestilenza del medio evo, era dovuta al bacillo della peste e raggiunse l'uomo attraverso il ratto. Nell ambito dei virus ci sono due vie di sopravvivenza: alcuni virus vivono soltanto nelle cellule umane, altri possono infettare gli animali.

La caratteristica delle infezioni virali è che esse hanno un lungo periodo di incubazione e la gravita dell'infezione varia da un epidemia all'altra. In alcune si verifica una mortalità altissima, in altre, con sintomi quasi assenti. Dal punto di vista medico un'infezione è importante soltanto in base ai sintomi che produce.

Uno dei piu importanti problemi eè perché tra due persone l'infezione produca sintomi differenti.

L'azione patogena del virus è dovuta al loro parassitismo, la sua moltiplicazione ha luogo a spese del metabolismo cellula. Il virus possiede una moltiplicazione esponenziale formando miliardi di particelle infettanti. la gravita di una malattia da virus non dipende solo dalla massa, ma da azioni patogene specifiche che possono esercitare alcuni che attaccano i neuroni come il virus della polio, altri l'apparato respiratorio, altri i muscoli.

Il covid in particolare attacca le cellule polmonari provocando la loro distruzione, di conseguenza determina difficoltà respiratorie che possono provocare la morte. I virus in genere vengono distrutti dalle nostre difese immunitarie che intervengono non appena inizia l'aggressione.

Pper potere fare questo bisogna che il nostro potenziale offensivo sia al massimo. L'aiuto lo possiamo ottenere con piante immunostimolanti: echinacea, astragalo, uncaria. andrografis, sambuco, minerali, zinco, selenio, iodio, ferro, antiossidanti ... resveratrolo,  quercitina,  vitamine "C" e "D" con dosaggi alti: 5 grammi per la "C", 4000 u.i per la "D" ed ancora lattoferrina,  colostro, quali agenti anti infettivi.

Abbiamo quindi un armamentario a disposizione che possiamo usare per combattere la pandemia.

 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...

USA: la prima volta di una Donna Vicepresidente

Donne e Potere

Kamala Harris sicuramente la prima, ma senza dubbi non l’ultima

di Valentino Bettinelli
KamalaHarris 380 minDopo la scelta della vicepresidenza ricaduta su Kamala Harris, prima della storia a ricoprire tale incarico, il Presidente eletto, Joe Biden, dà un segnale ulteriore di apertura politica nei confronti delle donne. La sua amministrazione parte nel segno deciso delle donne; un volto chiaro che il neo presidente ha voluto donare alla sua azione di governo del più potente Stato al mondo.

Nomine importanti per Janet Yellen, che sarà la prima a guidare il dipartimento del Tesoro in 231 anni di storia, Neera Tanden e Cecilia Rouse, prime donne a capo, rispettivamente, dell'Office of Management and Budget della Casa Bianca e del Council of Economic Advisers.
Il duo Biden-Harris ha inoltre annunciato che, anche in questo caso una prima in assoluto, il nuovo staff della comunicazione della Casa Bianca sarà composto da sole donne.
Dopo quattro anni di amministrazione Trump, un Presidente capace di distinguersi per continui riferimenti volgari e sessisti nei confronti delle donne, arriva una svolta anche da questo punto di vista per gli Stati Uniti. Anche l’ambasciatrice USA presso le Nazioni Unite sarà donna, nello specifico Linda Thomas Greenfield, e il dipartimento di intelligence nazionale sarà diretto da Avril Haines.

Un segnale di cambio della storia. Un solco partito dalla figura forte di Kamala Harris, vice presidente mai come ora in una posizione paritaria rispetto al titolare dello studio ovale. Un riscatto che fornisce un dato chiaro ed evidente: dalla crisi, che sia essa sociale, economica, sanitaria o politica, si esce grazie alla trazione dominate delle donne. Grazie alle loro competenze e grazie allo spazio che riescono a prendersi nelle sfere principali della società contemporanea.

Le nuove donne al comando degli Stati Uniti d’America hanno conquistato il loro posto, con il lavoro e i sacrifici di chi deve costantemente lottare per mostrare i propri talenti in una società profondamente incancrenita su valori maschilisti. Una rivoluzione che parte dall’America, e da dove altrimenti se non da un Paese che ha come emblema nazionale una donna, che con la sua imponente fiamma illumina il cammino di chi arriva a toccare le sponde di Ellis Island a New York. Una statua, è vero. Ma oggi quella statua prende corpo nelle donne che sono al comando dello Stato.

Una vera libertà. Un rinnovamento coraggioso portato avanti da un Presidente che non dava l’idea, a primo impatto, di poter lasciare un segno così carismatico nel suo mandato. E invece, ancor prima di giurare ed iniziare il suo lavoro, Joe Biden lancia la sfida al mondo, ancora chiuso nella sua arretrata concezione maschilista della vita.

D’altronde Kamala Harris nel suo discorso della vittoria fu quantomeno profetica dicendo che lei sarebbe stata sicuramente la prima, ma certamente non l’ultima.
Il vento sta cambiando e con coraggio le donne stanno prendendo il loro posto di comando nei processi di cambiamento della storia.

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici