fbpx

'La mattina m'arzavo…mo non m'arzo più'

mortisullavoro min“La mattina m'arzavo…mo non m'arzo piu’”

la mattina m’arzavo alle 5:00…tutte le mattine
tranne la domenica…
quanno m’arzavo mi moje me preparava er caffé..
era sempre bollente…
poi me preparavo uscivo de casa e prima de uscì..
la salutavo e je dicevo…
amo’ se vedemo stasera…
da un bacio a li ragazzi.
arrivavo al lavoro e le chiacchiere co’ li colleghi
…le prese in giro sur calcio..
io da a roma e quarcuno da a lazio…
poi se iniziava a lavorà…
ma un giorno quella cavolo de imparcatura s'è sbragata..
e io so cascato…mentre cadevo pensavo ar caffè de mi moje…
pensavo che li ragazzi non l'ho salutati…pensavo
ma io volevo solo lavorà pe' vive…no morì pe' lavorà...

 

Tiziano Ziroli, Roma 11 ottobre 2018

Pubblicato in Tiziano Ziroli
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici