fbpx

Difendere la Casa delle Donne Lucha y Siesta di Roma per difendere tutte le donne

MELITEA. Associazioni

Atti intimidatori contro spazi culturali e di servizio sociale autogestiti

Lucha y Siesta 370 minNegli ultimi tempi vi sono stati insopportabili ed ingiustificati atti intimidatori contro spazi culturali e di servizio sociale autogestiti. Uno degli ultimi lo sgombero del Cinema Palazzo o i continui sgomberi di Baobab Experience a Roma. Ma ciò che indigna ancor di più è l'accanimento contro le case rifugio per donne maltrattate e i centri antiviolenza come La limonaia a Pisa e la Magnifica a Firenze, e nelle ultime settimane Lucha y Siesta a Roma.

Per chi non la conoscesse, la Casa delle Donne Lucha y Siesta è una casa rifugio, un centro antiviolenza, di accoglienza, d'ascolto, assistenza e orientamento per donne maltrattate. Ma è anche un luogo simbolico, materiale e politico importantissimo nella capitale, un punto di riferimento sostanziale in cui socialità, condivisione, competenza e cultura offrono alla città servizi spesso disattesi dalle istituzioni territoriali.

Dopo 13 anni di attività e di riconoscimenti ufficiali, collaborazioni istituzionali e servizio alla comunità, la Casa delle Donne Lucha y Siesta rischia di venire chiusa. Contro tale pericolo è nato il comitato Lucha alla città, con l'intento di acquistare l'edificio in cui risiede. Pericolo divenuto imminente.

In difesa della Casa delle Donne Lucha y Siesta possiamo agire tutti, scrivendo a

per aderire ad una lotta di civiltà e di diritto

Di seguito il comunicato di Lucha y Siesta

?????????? ???? ?? ???????? ????????????? ???? ???? ????? ????? ????? ? ??????. ????????? ?’????????? ????????????? ??? ???????????? ???????????.

Il 18 gennaio 2021, alle 7.30 del mattino, senza alcun preavviso e approfittando del cancello aperto da uno dei figli delle donne che stanno facendo il loro percorso di fuoriuscita dalla violenza nella Casa delle donne Lucha y Siesta, le forze dell’ordine sono penetrate nella struttura, gli agenti sono saliti fin nelle camere e hanno identificato una per una tutte le persone presenti.
Una procedura violenta e ingiustificata, considerato che i nomi di donne e minori accoltз da Lucha y Siesta sono ben noti, grazie a rapporti con il servizio sociale e a screening sanitari precedenti l’ingresso nella struttura, ma soprattutto perché sono statз inviatз a Lucha y Siesta da altre strutture - pubbliche o convenzionate - che non hanno posti sufficienti per accoglierlз.
La Casa delle donne Lucha y Siesta a Roma esiste da 13 anni in uno stabile dell’ATAC, Azienda Tramvie e Autobus del Comune di Roma. Un edificio e un giardino che erano abbandonati e che sono stati trasformati in Casa delle donne, centro antiviolenza, casa rifugio e casa di semiautonomia, presidio di elaborazione politica femminista e transfemminista, spazio cittadino di solidarietà e empowerment, un vero bene comune.

L’ATAC, per ripianare i propri debiti, ha previsto di vendere l’immobile, pensando di poter cancellare un’esperienza complessa che fornisce 14 dei 25 posti letto per donne che fuoriescono da situazioni di violenza a fronte dei quasi 300 previsti dall’Expert Meeting sulla violenza contro le donne dell’Unione Europea (1999), ratificato dall’Italia nel 2013, e necessari per attuare la Convenzione di Istanbul. Un luogo che è istituzione, come testimoniato da 13 anni di collaborazione con la rete antiviolenza nazionale, sottolineato da una delibera del municipio in cui si trova, accertato da una sentenza dello stesso Tribunale di Roma, nonché confermato dall’impegno pubblico della Regione Lazio, che ha stanziato i fondi necessari a partecipare all’asta e restituire l’immobile alla comunità che lo anima.

Quello contro la Casa delle donne Lucha y Siesta è stato un gravissimo atto di violenza istituzionale, in nome di principi come la legalità e il decoro, svuotati di significato e mal posizionati nell’ordine delle priorità collettive.
Perché tanto accanimento contro Lucha y Siesta a Roma, ma anche contro La limonaia a Pisa e la Magnifica a Firenze, spazi imprescindibili per assumere collettivamente la consapevolezza che la violenza di genere è un problema strutturale e sistemico che ci riguarda tuttз? Azioni di questo genere sono la risposta intimidatoria e autoritaria di istituzioni carenti e spaventate dall’enorme produzione di pensiero e di battaglie politiche che in spazi come Lucha y Siesta prende vita.
Sappiamo bene che preservare questi spazi di relazioni orizzontali, di decostruzione di stereotipi, privilegi e dinamiche di potere, di risignificazione della proprietà è un lavoro lungo, che richiede cura, sorellanza e consapevolezza, un lavoro che continueremo a fare ogni giorno, insieme.

Ma sappiamo anche che una parte fondamentale di questa infinita battaglia è riprenderci, un pezzetto alla volta, ciò che ci spetta.
Quello che - immediatamente, invece - spetta alle donne identificate nella Casa delle Donne Lucha y Siesta è che non si dia seguito a quei fogli senza senso che sono state costrette a firmare.

Quello che vogliamo - come collettività tutta, rete professionale dell’antiviolenza, chiunque si senta solidale con il suo operato nonché chiunque riconosca il valore di luoghi preziosi e ricchi come Lucha y Siesta - è l’immediata archiviazione del procedimento giudiziario per infondatezza della notizia di reato.

Questa caccia alle streghe è violenta per chi ne è oggetto, imbarazzante per chi la osserva, ingiusta per tuttз. Spazi come Lucha y Siesta non possono più essere attaccati, è ora di moltiplicarli.

Aderisci scrivendo a:
Videodenuncia delle attiviste di Lucha y Siesta
https://www.dire.it/23-01-2021/597045-polizia-da-lucha-y-siesta-le-attiviste-depositeremo-memoria-al-pm/
#dirittidelledonne
#paritadigenere
#gruppomelitea
#luchaysiesta
#luchaallacitta
@Lucha y Siesta
@Lucha alla città
@MeliteaGruppo
#Melitea
www.gruppomelitea.wordpress.com
https://www.facebook.com/groups/1040292023062044/?ref=share

 

 Da www.gruppomelitea.wordpress.com

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

 

 

 

Pubblicato in Melitea (exIMA)
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici