fbpx

C’è chi dice: Non in mio nome!

 MELITEA. Associazioni

Da Lesbo alla Bosnia, dal Mediterraneo alla Libia, l’UE fallisce

di Lisa Ferraris
UE migranti no 350 minDa Lesbo alla Bosnia, dal Mediterraneo alla Libia, l’Unione Europea è da anni che fallisce nell’affrontare le tematiche della migrazione.

Non si garantiscono i diritti umani, né la solidarietà e nemmeno l’umanità.
Al contrario si investono milioni di euro per aggravare la sofferenza degli esseri umani in movimento, insomma, un vero e proprio intervento dis-umanitario!!
In Italia si fanno leggi che rendono illegale il salvataggio dei naufraghi, contravvenendo alle più elementari vecchie leggi universali del mare, e si fanno trattati, più o meno segreti, con la Libia e altri stati dichiarati non sicuri.
Si tenta di rendere illegale qualsiasi aiuto umanitario da parte delle organizzazioni e associazioni di cittadini che nonostante tutto, per fortuna, hanno scelto da che parte stare e di non restare a guardare.

Tutto questo è un tentativo, ben riuscito, di sdoganare atti fascisti di respingimento e aggressione verso i cosiddetti “migranti” che altro non sono se non persone che scappano dalle guerre, dalla fame e dalle violazioni dei diritti.
Non possiamo e non vogliamo restare indifferenti: l’indifferenza uccide!
«Le immagini che giungono dalla Bosnia, sono drammatiche: migliaia di persone abbandonate tra i boschi e sotto la neve, per l'incapacità dell'intera Unione Europea di affrontare e governare i Flussi Migratori.
Un perverso 'gioco' di polizie, in cui da Trieste i migranti che riescono ad arrivare, vengono consegnati alla Polizia Slovena, poi a quella Croata ed infine respinti in Bosnia. Osserviamo le immagini che ci arrivano da quei luoghi, seduti al caldo Bartolo 350 minnelle nostre comode poltrone. Non ci vergogniamo?!
Come osiamo lavarci la coscienza e pensare di assolvere alle nostre responsabilità, inviando solo altro denaro?! Abbiamo il Dovere Morale prima ancora che Legale di accogliere queste persone, di far valere le leggi che noi stessi abbiamo scritto nelle nostre Costituzioni, per proteggere chi fugge da Guerra, persecuzioni e trattamenti inumani.
Chiediamo alla Commissione ed al Consiglio Europeo, che sia istituita una missione umanitaria europea, con il coinvolgimento dell’Unhcr sul confine orientale, per soccorrere le migliaia di persone rimaste intrappolate nella neve che rischiano di morire.» (Dott. Pietro Bartolo [Dibattito in plenaria, sulla Situazione Umanitaria di Migranti e Rifugiati, ai Confini Esterni dell'Unione | 19 Gennaio 2021])
Nawal Soufi da giorni sta seguendo con i migranti la rotta balcanica.

Dopo aver prestato loro soccorso nei campi profughi greci, ha deciso di farsi corpo che affianca altri corpi, per capire da dentro cosa significhi tentare la via della salvezza.
“Il giorno della memoria è da un po’ di tempo tutti i giorni, basta aprire gli occhi e ammetterlo.”
Nawal si chiede dove eravamo quando l’Europa ha pianificato tutto questo.. ce lo chiediamo anche noi e ci chiediamo soprattutto con quale diritto lo ha fatto.
Questa è stata la scelta anche degli attivisti di Linea d’ombra di Trieste Lorena Fornasir e suo marito Gian Andrea. Dopo settimane di attese inutili dalla loro “Piazza del mondo”, vedendola desolentemente vuota hanno deciso di andare a vedere con i proprio occhi cosa sta accadendo oltre quei confini che non si riesce più ad attraversare.

Il giorno della partenza Lorena Fornasir annuncia così la loro iniziativa.
BalkanRouteEurope Trieste 28 gennaio Piazza mondo: "carrettino della cura, cosa vuoi dirmi oggi in questa piazza senza migranti?" carrettino verde: «domani andremo a Bihac e poi a Kljuc e poi a Velika Kladusa. Ti prego di diffondere l' appello:

IL MANIFESTO per UN PONTE DI CORPI
Un ponte di corpi lungo i confini tra l’Italia e la Bosnia

Oggi si manifesta pienamente un attentato alla vita: dalla madre terra, come la chiama Vandana Shiva,LorenaFornasir 350 min da una natura sistematicamente devastata, a un interminabile processo di distruzione ovunque nel mondo: stiamo assistendo a una specie di trionfo della morte.
Il carrettino verde, carico di cose per far vivere, che accoglie chi riesce a varcare il bordo mortifero del confine, è invece storia e memoria di una pratica della cura che le donne conoscono bene, non come gesto sacrificale ma come competenza di stare, essere in presenza dell’altro, conosciuto o sconosciuto, perturbante o estraneo.
La donna con il suo corpo pensante, è l’anticonfine per eccellenza.
Il corpo della donna contiene in se stesso la negazione del confine perché è un corpo naturalmente aperto attraverso l’atto più intenso del generare, del portare alla luce l’ALTRO da SÉ .
La cura per l’altro può diventare il ricamo di una mappa creativa dove l’amore tiene assieme i legami spezzati da una parte all’altra del mondo. Madri lontane, in un mandato tacito e di dolore, ci consegnano la vita dei loro figli.
Noi siamo coloro che dicono no allo scontro di razza, perché pensiamo che nel mondo dei morti nessuno è inferiore all’altro
Noi siamo coloro che dicono no al razzismo, perché da sempre siamo state la prima razza considerata inferiore proprio in quanto geneticamente aperte alla vita e sue portatrici: questa condizione ‘naturale’ è diventata storicamente un servizio!

Noi siamo coloro che gridano al mondo che non c’è nessun dio e nessun bene, quando migliaia di essere umani muoiono a causa dei confini
Noi siamo coloro che maledicono i confini perché quelle strisce di terra o di mare sono bagnate di sangue, selezionano chi può passare e chi no, chi può vivere e chi può morire, chi può essere torturato e chi può essere deportato
Noi siamo coloro che vogliamo alzare alta la voce della maternità, che è la voce della solidarietà, della vita che altre donne hanno generato consegnandola ad altre madri del mondo affinché la conservino e la promuovano.
Vorremmo essere in tante ad accorrere sul confine, ad attraversare il confine, ad andare incontro a chi è bloccato nell’inferno della Bosnia, in gruppo, in gruppi, in massa, a ribellarci alla morte… noi lo possiamo fare meglio di chiunque… costruiamo un movimento di donne per aprire tutti i confini…!»

I volontari di Baobab Experience erano partiti per il “game” pochi giorni prima di loro:

«Siamo pronti!
Zaino in spalla e ritmi serrati per la nostra nuova missione in #Bosnia Erzegovina Stiamo perfezionando gli ultimi dettagli con ladonna in campo di profughi 350 min nostra rete di attivisti e solidali locali per portare loro tutto il nostro supporto: materiale, organizzativo, umano.
Il programma operativo prevede il rifornimento dei magazzini locali, la definizione di piani allogiattivi per i richiedenti asilo lasciati al gelo, e il monitoraggio della frontiera nel Cantone di Una-Sana e negli snodi interni di Sarajevo, Zenica, Tuzla, Visoko, Donli Vakuf, Visoko, Dinli, Vakuf, Posuje, Ljbuski.
Vogliamo portare aiuti umanitari, ma soprattutto vogliamo ribadire che il supporto materiale, per quanto fondamentale, non rappresenta la soluzione per migliaia di donne, uomini e bambini ammassati ai confini della fortezza europea: la strada, unica, è nella libertà di movimento e nell'apertura delle frontiere.»

Ed è questa la triste verità.
Non basta che si portino aiuti, nei Balcani come nel Mediterraneo, servono soluzioni politiche, risposte che prima o poi dovranno arrivare per fermare la carneficina che si è creata propio per la mancanza da parte degli Stati di pensare soluzioni costruttive.

È tempo di non ostacolare chi rischia la vita per portare speranza e aiuti e condannare chi invece ignora nascondendo morti e disperazione.

 

 

Lisa Anna Ferraris della Redazione di UNOeTRE.it, è cofondatrice di "Melitea", associazione che si batte per la revisone della legislazione italiana e di quella europea per la  solidarietà e l'accoglienza dei migranti
 
 

 

 

Articoli e news di questo giornale online direttamente sul tuo Messanger  clicca qui
aspetta che appaia tutto il testo - 6 righe

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

Pubblicato in Melitea (exIMA)
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici