fbpx

Ho incontrato Vertenza Frusinate

liberiuguali 350 260INCONTRI E INIZIATIVE di Daniela Mastracci

Mercoledì 31 gennaio ho incontrato la più vivace espressione del movimento per il lavoro che c’è nella provincia di Frosinone: Vertenza Frusinate. Ho discusso con una delegazione di Vertenza Frusinate dei temi per i quali gli ex lavoratori si battono da anni. Ho voluto conoscere la loro condizione, le loro esigenze ed i loro obiettivi. Abbiamo parlato delle principali vicende di crisi del nostro territorio, Ideal Standard e Ilva. Abbiamo affrontato la vicenda più caratterizzante questa provincia: la disoccupazione e l’inoccupazione, che vede decine di migliaia di donne e uomini senza lavoro e senza reddito. Vertenza Frusinate esprime la determinazione di non cedere alla rassegnazione, di cercare condizioni per tornare a lavorare, per garantire un reddito e per rispondere ai bisogni delle loro famiglie.
La situazione dell’Ilva di Patrica è ancora ferma rispetto alla decisione che il governo dovrebbe prendere a proposito dello scorporo dall’Ilva nazionale e perciò della possibilità che il sito possa essere venduto, riaperto, e possano essere riassunti i suoi ex lavoratori.
Per quel che riguarda Ideal Standard, l’azienda ha comunicato agli oltre 300 dipendenti dello stabilimento di Roccasecca che, a partire dal prossimo 13 febbraio, saranno tutti licenziati. Ad oggi, non sono stati fatti passi in avanti per il futuro della fabbrica e dei lavoratori. Non solo rabbia per i licenziamenti e nono solo solidarietà ai lavoratori, ma qui si apre un problema gigantesco: lo straniero che investe in Italia non rispetta le nostre leggi e la nostra Costituzione. In Germania questo non avviene. Chiunque governi l’Italia deve affrontare questo problema e pretendere il rispetto della nostra identità statuale.
Il periodo di campagna elettorale non può essere un mese di paralisi governativa e amministrativa rispetto alla ricerca di soluzioni alla mancanza di reddito, né per il governo, né per la Regione Lazio. In particolare, a livello regionale, è necessario che vengano create le condizioni per cui l’iter della proroga della mobilità proceda e si risolva il problema della mancata riscossione della stessa, col conseguente accesso ai tirocinii per tutti i beneficiari.
Questi sono i primi problemi che Liberi e Uguali deve impegnarsi a risolvere e che io sosterrò: i lavoratori vanno tutelati, le famiglie non devono essere lasciate in condizioni di assenza di reddito, a rischio povertà ed esclusione sociale. Si tratta di priorità irrinunciabili per una formazione politica di sinistra.

Pubblicato in Daniela Mastracci
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici