fbpx

Nell’Spd qualcosa si muove verso la Linke

 GERMANIA VERSO IL VOTO

Interessante ciò che si discute nella SPD. Ma, solo lì, disgraziatamente!

di Sebastiano Canetta
Grunen Linke SPD 390 minGermania. Appello del vicepresidente (dell'SPD ndr) Kevin Kühnert per un’alleanza di governo con Linke e Grünen:

«Continuare a escludere una realtà già funzionante in tre Land è la migliore assicurazione sulla vita di Cdu e Csu»

«Governiamo insieme alla Linke a Berlino, Brema e in Turingia, e non mi pare che lì sia scoppiato il comunismo né che gli scaffali dei supermercati siano vuoti».

Due settimane prima delle elezioni federali Kevin Kühnert, vicepresidente della Spd, lancia l’appello per non escludere la coalizione rosso-rosso-verde tra le possibilità dell’eventuale governo a guida socialdemocratica. Primo perché l’alleanza con i Grünen e la Sinistra, stando agli attuali sondaggi, supera la soglia del 51% al Bundestag, e secondo perché «continuare a escludere una realtà già funzionante in tre Land è la migliore assicurazione sulla vita di Cdu e Csu. Solo così risulta impossibile formare un esecutivo contro i democristiani».

MESSAGGIO DIRETTO soprattutto al candidato-cancelliere Olaf Scholz, ben orientato alla geometria politica con i Verdi («Potremo fare l’alleanza») ma più che freddo nei confronti della Linke per la sua opposizione al ruolo della Germania nella Nato, che per lui invece «è imprescindibile».
Anche se Scholz in realtà evita accuratamente di accostare la Spd alla Sinistra soprattutto per non alimentare tra gli elettori moderati il “pericolo rosso” sbandierato in Parlamento dalla cancelliera Angela Merkel.

POCO IMPORTA se la Linke spinge affinché «tutti mostrino i loro colori prima del voto», come sottolinea la co-segretaria Janine Wissler, che continua a spendersi per l’alternativa social-ecologista: non più un’utopia da quando la Spd ha stabilmente superato la Cdu nei sondaggi. «Leggendo i loro programmi elettorali, Spd e Verdi dovrebbero ammettere che non possono fare un governo con Cdu o Fdp» spiega il co-segretario Dietmar Bartsch. In altre parole «l’aumento del salario minimo e la patrimoniale si possono fare solo con un’alleanza progressista. Quindi Scholz deve scegliere: noi o i liberal-conservatori».

NON È UN ULTIMATUM, ma il sintomo delle tensioni elettorali che circondano l’aspirante cancelliere Spd, già alle prese con il nuovo scandalo che investe il “suo” ministero delle Finanze.

Giovedì la Procura di Osnabrück, Bassa Sassonia, ha ordinato la perquisizione del dicastero nell’ambito dell’indagine sull’Unità informativa finanziaria (Uif), accusata di non aver trasmesso ai magistrati le informazioni su una transazione sospetta verso l’Africa connessa con il traffico di droga, armi e terrorismo.

Scholz ha criticato i metodi della Procura paventando il danno di immagine alla vigilia del voto, ma in “campo amico” è rimasto isolato sia dai Verdi che dalla Linke. I primi gli ricordano che la «vigilanza finanziaria non funziona, come già dimostrato con il caso Wirecard», i secondi precisano: «Sono anni che ci occupiamo del problema: la Germania è un paradiso per il riciclaggio». Prima di squadernare il curriculum politico di Scholz su Links Bewegt, il giornale on-line del partito.

Oltre agli scandali di Wirecard e dell’Uif «da sindaco di Amburgo Scholz dispensò Warburg Bank dal rimborso di 47 milioni di euro al locale ufficio delle imposte», certifica la Linke, e a proposito di immagine (e danni) ricorda quando «organizzò il G20 ad Amburgo nominando a capo delle operazioni di polizia un integralista che provocò l’escalation contro i manifestanti anche prima delle proteste, con il risultato di centinaia di feriti e la polizia che inseguiva e picchiava i manifestanti».
Nella Sinistra non dimenticano poi che il candidato Spd «figura tra i responsabili dell’Agenda 2010 voluta dall’ex cancelliere Gerhard Schröder che limitò le protezioni dai licenziamenti e ridusse la durata del sussidio di disoccupazione».

Ma la Linke tiene anche a precisare che il voto-utile a Scholz degli elettori di sinistra (tra i leitmotiv della Spd) non può funzionare: «Chi vuole un’alleanza di sinistra deve votare per il partito di sinistra. Solo così potremo fare pressione per la nascita della coalizione rosso-rosso-verde».

DEL RESTO, IL PROGRAMMA della Linke a parte la Nato è davvero integrabile con Spd e Verdi. Dal salario minimo a 13 euro al fondo di 20 miliardi per assicurare i posti di lavoro nell’industria, dal tetto sugli affitti (concepito proprio dal comune governo di Berlino) all’accoglienza dei profughi, fino alla patrimoniale e al potenziamento del trasporto su rotaia.

© 2021 IL NUOVO MANIFESTO SOCIETÀ COOP. EDITRICE - BERLINO, 12.09.2021

 

 

 

youtube logo red hd 13 Iscriviti al nostro canale Youtube di UNOeTRE.it 

 

Sottoscrivi abbonamento gratuito all'aggiornamento delle notizie di https://www.unoetre.it - Home

 
Vuoi dire la tua su UNOeTRE.it? Clicca qui

 

 

Sostieni UNOeTRE.it

Sostieni il nostro lavoro

UNOeTRE.it è un giornale online con una redazione di volontari che s'impegnano gratuitamente. Qualsiasi donazione tu possa fare, fra quelle che qui sotto proponiamo, rappresenta un contributo prezioso per il nostro lavoro. Si prega di notare che per assicurare la nostra indipendenza, per parlare liberamente di argomenti politici, i contributi che ci invierete non sono deducibili dalle tasse. Per dare il tuo sostegno tramite il sito, clicca qui sotto sul bottone Paga Adesso. Il tuo contributo ci perverrà sicuro utilizzando PayPal oppure la tua carta di credito. Grazie

La riproduzione di quest'articolo che hai letto è autorizzata a condizione che siano citati la fonte www.unoetre.it e l'autore. E' vietato il "copia e incolla" del solo testo sui socialnetwork perchè questo metodo priva l'articolo del suo specifico contesto grafico menomando gravemente l'insieme della pubblicazione. L'utilizzo sui socialnetwork può avvenire soltanto utilizzando il link originale di questo specifico articolo presente nella barra degli indirizzi del browser e originato da https://www.unoetre.it

Creative Commons License
UNOeTRE.it by giornale online is licensed under a Creative Commons Attribution 4.0 International License.

 

 

Clicky

 

 

Pubblicato in UE
Torna in alto

Privacy Policy

Privacy Policy

Sezioni

Pagine di...

Notizie locali

Strumenti

Chi siamo

Seguici